Voi nostri lettori già lo sapevate, ma ora è ufficiale: Bartolomeo Pietromarchi è direttore del Macro

Un pochino di mestieraccio ormai ce lo abbiamo nel nostro bagaglio di esperienza e questo ci permette, qualche volta, di regalare ai nostri lettori anteprime niente male. E’ stato il caso del neo-direttore del Macro da Artribune anticipato –senza barare ma semplicemente prendendosi qualche calcolato rischio- di tre\quattro giorni sull’annuncio ufficiale da parte dell’assessorato alla […]

Bartolomeo Pietromarchi

Un pochino di mestieraccio ormai ce lo abbiamo nel nostro bagaglio di esperienza e questo ci permette, qualche volta, di regalare ai nostri lettori anteprime niente male. E’ stato il caso del neo-direttore del Macro da Artribune anticipato –senza barare ma semplicemente prendendosi qualche calcolato rischio- di tre\quattro giorni sull’annuncio ufficiale da parte dell’assessorato alla cultura del Comune di Roma.
L’investitura di Bartolomeo Pietromarchi da parte dell’assessore Dino Gasperini è arrivata con un condimento di novità che saranno fondamentali per il buon funzionamento di una istituzione che è stata ben gestita da Luca Massimo Barbero –direttore fino al 30 giugno-, ma che ha bisogno di cambiamenti per potersela cavare nell’intricato bailamme degli spazi d’arte della capitale. “Entro luglio porteremo in Aula la delibera di istituzione del Museo con relativo regolamento e a settembre la delibera per la creazione della fondazione” dichiara Gasperini. Se tutto sarà confermato dai fatti, il Macro sarebbe di fronte ad una svolta gestionale e operativa non da poco. Una svolta che sarà accompagnata da un ascolto continuo delle realtà del territorio. Pare infatti che l’assessore voglia creare una sorta di camera di compensazione, una consulta di operatori del settore (un rappresentante per ogni associazione che si occupa di arte contemporanea, un rappresentante del mondo delle gallerie, un rappresentante della stampa specializzata e così via) con ruoli di indirizzo e consultivi per le grandi decisioni da prendere.
La ricchezza di confronto che si è sviluppata in quest’ultimo mese è un patrimonio di risorse a cui non intendo rinunciare e che voglio allargare” ha dichiarato l’assessore. Già, ma concretamente? “Concretamente ad esempio la redazione delle delibere dei prossimi mesi sarà all’insegna della partecipazione di tutti coloro che ho incontrato e dai quali ho avuto un prezioso contributo di proposte e di idee”. Conferenza stampa di presentazione del neodirettore, il prossimo lunedì 4 luglio con il sindaco Gianni Alemanno.

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Roberto Ciracì

    “un rappresentante della stampa specializzata e così via”
    Direttore Tonelli,
    l’anticipazione oggi è mia:
    perchè continua a parlare di scoop quando tutti sanno che all’interno di questa camera di compensazione c’è anche lei che sta facendo carte false assieme a Gasperini per inserirsi in una poltrona qualunque?

  • Redazione

    Non diciamo sciocchezze. E’ una pura e semplice indiscrezione. Figurarsi se se ne conoscono già i membri… E se mai la cosa risponderà al vero (non ne abbiamo idea) e dovessimo venire a conoscenza in anticipo dei componenti, non abbia dubbi sul fatto che li pubblicheremo.
    MT

  • Francesco

    Quindi Codognato va al Maxxi…..

    • oo

      speriamo codognato vada a cas|

      • gonzalo pirobutirro

        La presenza di CoTognato nel mondo dell’arte resta un mistero, almeno per quei profani che non hanno ben chiaro cosa accada dietro le quinte. Non si è mai ben compreso quali fossero i suoi meriti, né lui si è mai sforzato di mettere in risalto le sue capacità. Ha svolto, non si sa bene in che modo – ma i risultati sono sotto gli occhi di tutti – il ruolo di capocuratore di un museo inesistente… e poi?

  • bea

    A ME PIETROMARCHI NON DISPIACE AFFATTO!
    QUINDI VIVA, SPERIAMO BENE PER IL FUTURO.