Voglia di Design? Anche ArtnetAuctions dedica un dipartimento al settore

Ultima novità di ArtnetAuctions è l’apertura di un dipartimento dedicato al Design del XX e XXI secolo, capeggiato da Brent Lewis, forte della sua esperienza come specialista di Christie’s. Nuovi lotti di Design verranno inseriti ogni settimana nella sezione di aste online del popolare sito – forse il leader mondiale nell’informazione d’arte via web -, creando così […]

Ultima novità di ArtnetAuctions è l’apertura di un dipartimento dedicato al Design del XX e XXI secolo, capeggiato da Brent Lewis, forte della sua esperienza come specialista di Christie’s. Nuovi lotti di Design verranno inseriti ogni settimana nella sezione di aste online del popolare sito – forse il leader mondiale nell’informazione d’arte via web -, creando così un mercato dedicato al design accessibile 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.
Tra le categorie presenti su ArtnetAuctions, è possibile rintracciare lotti appartenenti ai movimenti American mid-century design, Viennese Secessionist, Art Deco, Scandinavian Modernism, Italian Modernism, American Studio furniture, Contemporary, oltre a vetri e ceramiche di tutti i periodi. L’apertura del dipartimento di Design consente ad ArtnetAuctions di allargare la propria community a  nuovi utenti, oltre ai collezionisti e venditori già consolidati.
Le prime vendite hanno presentato arti decorative e design del XX secolo e design contemporaneo. Tra gli highlights nomi come Marcel Breuer, Ed Wormley, Hans Wegner, Pierre Jeanneret, Gio Ponti, Ettore Sottsass, e opere contemporanee di Ron Arad, Gaetano Pesce, Maria Pergay, Tokujin Yoshioka.

– Martina Gambillara

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.