Sentite il bisogno di sgranchirvi la gambe? Vi sconsigliamo il tapis roulant di Allora&Calzadilla. Ecco il video

Stanchi dopo una giornata di giri venezian/biennaleschi? Allora sarà meglio che non vi cimentiate nell’esercizio che vedete nel video, performance ginnico-pacifista parte del Padiglione USA, by Allora&Calzadilla. Eccolo, il famoso e già pubblicatissimo Track and Field, un carro armato in dimensione naturale cui è stato dato un nuovo ruolo mediante la sovrapposizione di un tapis […]


Stanchi dopo una giornata di giri venezian/biennaleschi? Allora sarà meglio che non vi cimentiate nell’esercizio che vedete nel video, performance ginnico-pacifista parte del Padiglione USA, by Allora&Calzadilla.
Eccolo, il famoso e già pubblicatissimo Track and Field, un carro armato in dimensione naturale cui è stato dato un nuovo ruolo mediante la sovrapposizione di un tapis roulant sul cingolo destro, su cui corrono atleti della squadra di Atletica Leggera degli Stati Uniti.
Il lavoro è stato commissionato dall’Indianapolis Museum of Art, che ha collaborato con le federazioni statunitensi di atletica leggera e di ginnastica artistica per Body in Flight (Delta), Body in Flight (American) e Track and Field. Che comprendono performance di atleti in vari momenti per tutta la durata della mostra…

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • alfonso siracusa

    straordinaria!!

  • l

    già, da tenere vicino al comodino

  • hm

    bella

  • Interessante e divertente questa performance del Duo.
    Mi piace ricordare anche che nel 2008 Franziska Nori (dirige il Cccs a Palazzo Strozzi) presentò “Exploded Views” di Marnix de Nijs, artista multimediale olandese. L’opera era costituita da due tapis-roulant posizionati di fronte ad un grande schermo su cui scorrevano in soggettiva – in parte filmate e in parte realizzate in computer grafica – le strade deserte di una Firenze virtuale. Ed era il visitatore stesso dell’installazione (aveva anche una interesante colonna sonora) correndo sul tapis roulant a condizionare la visione fatta d’immagini in 3D.