Roba che sarebbe meglio non pubblicare​. Sgarbi e… la figa. Su Artribune Television

Vi è proprio piaciuta, a giudicare dai click e dai commenti, l’intervista a Vittorio Sgarbi pubblicata su Artribune Television. Un po’ folle, un po’ comica, un po’ surreale. E tutta di corsa. Bene, allora beccatevi una coda niente male, l’appendice kitsch che non poteva mancare. Tra qualche minuto, in home page, un ritaglio di montaggio […]


Vi è proprio piaciuta, a giudicare dai click e dai commenti, l’intervista a Vittorio Sgarbi pubblicata su Artribune Television. Un po’ folle, un po’ comica, un po’ surreale. E tutta di corsa.
Bene, allora beccatevi una coda niente male, l’appendice kitsch che non poteva mancare. Tra qualche minuto, in home page, un ritaglio di montaggio che si commenta da sè. Ecco come si concludeva la nostra chiacchierata con Sgarbi al Padiglione Italia: alla fine della fiera, dopo tanti ragionamenti, la verità è una sola. L’arte è tutta contemporanea, quella di oggi come quella di tremila anni fa. Esattamente come la figa! E via con gli applausi dei presenti… Allegria!

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.
  • andrea

    secondo me cercava un aggancio con te il furbastro..

  • Si tratta di una cosa seria

  • gino spadon

    Tra “lapalissades” e buffonate così si muove “ciuffo ribelle”. Dire che l’arte è sempre contemporanea, con l’aria di chi ti ammannisce una strepitosa verità, è far finta di non sapere che tale “verità” altro non è che il calco di un’affermazione arcinota secondo la quale “la storia è sempre contemporanea”, Aggiungere, poi, che lo è anche la “figa” è non solo una battuta del peggior Bagaglino, ma anche un semplice “non sens”.. Basta rifletterci un po’, per rendersene conto.

  • E’ SEMPRE IL SOLITO.
    LUI DELLA FIGA HA IL MARCHIO IN FRONTE, MA POI VORREI VEDERE COSA FA(va).

  • E’il personaggio che si è creato, e che , bene o male, gli rende,anche se ne è prigioniero. Sgarbi ha molti fans nel popolino, ed irrita gli specialisti dell’arte. Ma in fondo, così è un divulgatore…. e non ci sarà anche un po’ d’invidia sotto le critiche?

  • tina

    ma basta!!!! siete noiosi come lui.

    • Tina sei una fascista! Gli specialisti dell’arte Elena? Ma che cazzo dici? Caro Iori Scarpellini, ma a te cosa cazzo ti frega se Sgarbi scopa o no? Gino, il tuo vocabolario forbito mi fa vomitare! Giuseppe, queste non sono cose serie, ma solo cagate. Andrea, ma cosa sei, mafioso? Cosa sono messaggi in codice i tuoi?

  • hm

    la figa si è chiaramente evoluta nel corso degli anni se è vero che gli antichi romani erano tappi alti intorno al metro e sessanta . è un po’ come scopare le cinesi, rischi di non entrarci . o pensare che bianco bianchi esista veramente .

  • arrogante

    Vero, Sgarbi esalta la FIGA, allora Problem???…, almeno lui non è un ipocrita che fa finta di essere uno per bene e poi magari lo stesso bigotto fintoperbene e silenzioso, va a passare una settimana in thaillandia per scoparsi le minorenni. Poi il medesimo losco figuro, lo ritroviamo che fa il buon padre di famiglia e rimprovera Sgarbi per la sua loquacità ironica e limpida.

  • Giuseppe

    Be’ se è sempre attuale la figa, lo sono anche i … coglioni!

    • Questa è una battuta, non quella di Sgarbi che tra l’altro non c’entrava nulla con il già strampalato discorso in cui si era impantanato. Infatti siccome si era reso conto di quanto non fosse sufficiente la sua lezioncina ha pensato bene di chiudere con un paragone che preso singolarmente è inoppugnabile (a poco valgono le obiezioni evoluzionistiche) ma che con quel discorso non aveva nulla a che vedere. Sgarbi è sicuramente un maestro nel distogliere l’attenzione dai suoi punti deboli.

  • mats

    Certo che voi di Artribune a mettere in prima pagina quel video e lasciarlo cosi’ a lungo fate lo stesso gioco di Sgarbi. Avevate iniziato diversamente, parlando di cose serie e non di sgarbi che dice “figa”. ora per un pugno di click vi vendete al miglior offerente in cerca di “coolness”

    • Redazione

      Gentilissimo signor mats,

      devo intanto contraddirla sulla permanenza del video in home: c’è stato un giorno e mezzo, non certo una settimana (mica siamo così fessi). Dopo ne sono usciti altri e tutti serissimi, per l’amor di Dio. Come pure erano serissimi quelli usciti prima: report di mostre, talk, brevi film, etc.
      Su tutti i video usciti – e non sono pochi, ma stanno aumentando progressivamente, come potete costatare – quanti ne ha notati con questa cifra diciamo così… di costume e un po’ scanzonata? Glielo dico io: UNO. Solo questo. Per altro legato all’attualità stringente, essendo uscito a pochissimi giorni dall’opening veneziano e solo come divertente “coda” all’intervista precedentemente pubblicata.
      Dunque, come fa a dire che eravamo partiti con una programmazione seria e che ora siamo caduti in basso?? secondi quali stime? basandosi du cosa? su un unico video di nemmeno un minuto, presentato come ironico ritaglio di montaggio? Ma li vede i primi piani e le news che escono? ma li ha visti i video su ai weiwei? ma di che cosa sta parlando? Un consiglio: si rilassi e si goda anche 30 secondi di leggerezza, una volta ogni tanto.
      Infine, le ricordo che quel signore che ha risposto a una giornalista paragonando l’arte alla figa, è il curatore del padiglione del suo Paese alla Biennale di Venezia. Non certo mio cugino che faceva il goliardico. Non è una trovata cool, è un pezzetto di realtà, caro mats. che le piaccia o no.

      h.m.

      • antonio (nonsonounfake)

        che permalosi

  • Caro Bianco Bianchi
    Una persona che si ritiene importante nel campo dell’ARTE dovrebbe avere un pò di dignità quando parla e non fare spesso il BECERO.
    Ma forse pensa di farsi pubblicità?
    Sarebbe un modo molto sciocco.

  • jjj

    mah sgarbi me lo ricordo non antipatico ma un po’ patetico (se vogliamo) specie quando schizza e schizza spesso (almeno 15 anni fa adesso magari si è dato una calmata) comunque sgarbi fa il gioco di tutti cioè tu fai il gioco di sgarbi (specie con le tette esposte) e lui fa il tuo (guardandotele)…io preferirei fare il tuo e son d’accordo sul sarebbe meglio non pubblicare ma l’avete fatto e io ci ho commentato senza guardare il video
    yo!!!