Questa Biennale summa di trent’anni di Biennali, dice Bonito Oliva alle nostre telecamere

C’è sciopero dei vaporetti? Niente paura, lui arriva con la sua barca personale, noblesse oblige. Per vedere in anteprima la mostra Pino Pascali ritorno a Venezia / Puglia Arte Contemporanea. Ma è già reduce da diverse visite ai tanti eventi biennaleschi, Achille Bonito Oliva, e ne parla alla nostra Anna Saba Didonato, ampliando le sue […]

C’è sciopero dei vaporetti? Niente paura, lui arriva con la sua barca personale, noblesse oblige. Per vedere in anteprima la mostra Pino Pascali ritorno a Venezia / Puglia Arte Contemporanea. Ma è già reduce da diverse visite ai tanti eventi biennaleschi, Achille Bonito Oliva, e ne parla alla nostra Anna Saba Didonato, ampliando le sue considerazioni a tutta la Biennale. Buona visione…

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • lady

    lo dissi subito, una mostra senza assunzione di responsabilità non è una forma d’arte.

  • Alfredo Aceto

    Però possibile che ogni santa biennale gli ricordi la sua del 93?

  • tommaso acampa

    Ancora Bonito Oliva?
    Non se ne può più, questo paese avrebbe bisogno di darsi una bella ripulita e invece continuiamo a vedere sempre le stesse facce che continuano a ripetere sempre le stesse cose.

    • H. Coyote

      Comincia con togliere quelle merde che ci governano dal 1994, e Sgarbi, e lascia stare chi veramente porta qualcosa di buono a questo paese, idiota.

  • maurizio

    ma chi vuoi che ci fosse disposto a dire qualcosa oggi..
    quelli importanti avranno avuto di meglio da fare

  • Max Livadia

    Il Pippo Baudo dell’Arte…..dalle Alpi alle Piramidi c’è sempre lui!

  • Dopo aver assistito alla vicissitudine pre-biennale e, all’ assegnazione ad gruppo privato che ne stilasse la cernita dei nomi, non c’era da aspettarsi nulla di nuovo e di esemplare. ” Un gregge senza pastore che bela, bela,bela, senza essere ascoltato”.