Quando le “fierette” fanno più rumore delle big. Pulse New York si sposta a maggio per accogliere Frieze

La fiera Pulse di New York cambierà le proprie date per combaciare con il debutto di Frieze New York (3-6 maggio 2012). Tornando per il secondo anno al Metropolitan Pavilion nel cuore di Chelsea, ma rinunciando quindi ad aprire assieme all’Armory Show tra l’8 e l’11 marzo 2012. Pulse è nata nel 2006 come fiera […]

La fiera Pulse di New York cambierà le proprie date per combaciare con il debutto di Frieze New York (3-6 maggio 2012). Tornando per il secondo anno al Metropolitan Pavilion nel cuore di Chelsea, ma rinunciando quindi ad aprire assieme all’Armory Show tra l’8 e l’11 marzo 2012.
Pulse è nata nel 2006 come fiera satellite dell’Armory, con cui ha avuto un lungo rapporto di mutuo beneficio. “Vogliamo dare un caloroso benvenuto a Frieze”, ha affermato il direttore Cornell DeWitt. Sin dalla fondazione Pulse ha avuto difficoltà per il fatto che l’edizione newyorchese era troppo prossima all’edizione di Miami di dicembre. Grazie a questo spostamento, la direzione riuscirà a dare maggiore attenzione alla fiera di New York.
E non finiscono qui le novità: Pulse ha infatti annunciato la partecipazione alla sua prima fiera a Los Angeles il prossimo ottobre.

Martina Gambillara

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.
  • Francamente da parte di Frieze trovo che sia una mossa suicida fare una fiera a solo un mese da ArtBasel, la fiera svizzera ha dei vantaggi competitivi che non si possono mettere in discussione.