Parentesi triste. Inaspettatamente mancato, a Roma, l’artista Antonello Bulgini

Ultimamente si divideva fra Roma, dove viveva e lavorava, e Berlino, dove stava la sua galleria di riferimento, la Poll. Ma in verità le sue origini erano diverse, essendo nato nel 1960 a Taranto, così come il fratello Alessandro, artista come lui. Ed è a Roma che Antonello Bulgini è morto improvvisamente, cogliendo di sorpresa […]

Antonello Bulgini, a destra, con il fratello Alessandro

Ultimamente si divideva fra Roma, dove viveva e lavorava, e Berlino, dove stava la sua galleria di riferimento, la Poll. Ma in verità le sue origini erano diverse, essendo nato nel 1960 a Taranto, così come il fratello Alessandro, artista come lui. Ed è a Roma che Antonello Bulgini è morto improvvisamente, cogliendo di sorpresa e gettando nello sconforto i tanti amici e colleghi del mondo dell’arte e non solo.
E proprio fra Roma e la Germania si erano prevalentemente divisi anche i successi artistici di Bulgini: nel 2001 a Monaco di Baviera aveva vinto il Premio Nör/Stifenover/Lutz, fra il 2004 e il 2006 aveva tenuto importanti personali alla Galleria Hermeyer, sempre a Monaco, ed alla stessa Galleria Poll di Berlino; a Roma aveva esposto nel 2008 alla Galleria Hybrida contemporanea e aveva proposto un progetto nello spazio non profit CondottoC.
I funerali si svolgeranno oggi – venerdì 24 giugno – alle 15 a Sant’Andrea della Valle a Roma.

 

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Alessandro Facente

    un saluto a te Antonello e un abbraccio forte ad Alessandro. Mancherà una persona straordinaria e dirompente!

  • Antonella Albano

    l’ultima volta che ti ho visto avremo avuto venti anni, e ora da queste parti non ti incontrerò più. Un’occasione persa ed è difficile sopportare il pensiero. Ma da un’altra parte ci incontreremo e allora faremo festa come facevamo una volta. Arrivederci ciao Alessandro, ti abbraccio forte

  • Quando la morte è così incomprensibile e ingiusta, allora ci si ricorda di quanto vitale sia l’amore per gli amici, il tempo, la gioia di un sorriso all’ombra di un cavalletto.
    Antonello non doveva morire, c’è davvero qualcosa di sbagliato in questo.
    Per cui sarà meglio addrizzare il tiro della nostra quotidianità, se non vogliamo che altre ingiustizie prendano il sopravvento.

    Non ci sono parole per descrivere la dolcezza di Antonello; solo chi lo ha conosciuto ha imparato che si può essere maschi e teneri allo stesso tempo, determinati e amorevoli, decisi e affettuosi. O almeno ci si può provare.

    Davvero non ci sono parole. Spero e chiedo solo che Tiziano, suo figlio, e Rossana, sua moglie, continuino ad essere amati come li amava lui, e che vengano nutriti con lo stesso amore dai suoi amici.

    M’inchino al mio amico Antonello, lo ringrazio per l’amore che ci ha dato.

  • luciano perrotta

    Antonello , persona deliziosa e bravo pittore, ci ha lasciati alle nostre brutte vite., e anch’io non mi sento tanto bene.

  • Alessandra Modio

    L’ho saputo adesso, e non ho avuto nemmeno la possibilità di dargli l’ultimo saluto. L’avevo ritrovato dopo anni, navigando in internet. Con sorpresa, la vita ci aveva portati a pochi chilometri, lui a Roma e io a Velletri. E così ci siamo rivisti: lui con lo stesso carisma di sempre. Ho una foto del suo matrimonio-battesimo, così mi aveva scritto mandandomela. E’ stato importante per me, il trascinatore di un gruppo di ragazzi di cl della mitica succursale del liceo “Battaglini” di Taranto.
    Che dire. Saluto la moglie, il piccolo Tiziano e Alessandro, e saluto anche te, Antonello
    Alessandra Modio

  • ORIETTA D’ABACO

    La mia mente subito e’ andata indietro di 30 anni a Taranto dove ho trascorso con la spendida e affettuosa famiglia Bulgini le piu’ belle giornate della mia vita rimaste scolpite nella memoria.Un Buon VIAGGIO di Luce al caro ANTONELLO e un saluto sentito piu’ che mai,al mio amico/fratello Alessandro ke spero di rivedere presto. Orietta

  • mimma

    RICORDO I MIEI PRIMI GIORNI DI LICEO…TI VEDO E NE SONO ABBAGLIATA…I TUOI CAPELLI IL TUO BEL VOLTO …E LE LODI LA MATTINA PRESTO NELLA CHIESETTA DI SANT’ANTONIO…SEI ANCORA COSI’ NELLA MIA MENTE …GIOVANE E PROFONDO…ORIGINALE ED INDIMENTICABILE…UNITI IN UNA VOCE UNISONA DI PREGHIERA….TI ABBRACCIO ANTONELLO E ABBRACCIO CON AFFETTO LA TUA FAMIGLIA

  • Gregorio

    arrivederci caro amico fraterno!!! un forte abbraccio ad Ale che spero di riabbracciare presto!!!

  • Sono rimasto profondamente colpito da questa notizia e come me altre persone che hanno avuto modo di conoscerlo qui a Livorno.
    Abbiamo perso un grande artista, uno che è riuscito a trasmetterci e continuerà a farlo, l’espressione di una rara, profonda e unica sensibilità.
    Un abbraccio alla sua famiglia anche se non ho avuto mai modo di conoscerla.
    Roberto Sbolci

  • umberto centonze

    L’HO SAPUTO SOLO OGGI. CARO AMICO DELLA SEZ I SUCCURSALE BATTAGLINI. ANNI ADDIETRO AVEVO AVUTO TUE NOTIZIE DA ALESSANDRA. NON HO AVUTO LA POSSIBILITA’ DI VEDERTI O SENTIRTI. E’ LA PIGRIZIA DEI NOSTRI GIORNI CHE PURTROPPO CI PORTA A QUESTO. LA SPERANZA DI UNA VITA MIGLIORE CHE SEMPRE CI HA ACCOMPAGNATO PER LA COMUNE FEDE SIA DI CONFORTO A TUTTI I TUOI FAMILIARI, ALLA TUA COMPAGNA E AL TUO PICCOLO TIZIANO.
    CIAO ANTONELLO