Musica e arte in giardino. Dopo il Boetti-Day, Merz torna protagonista a Torino

La forma-concerto sarà il leitmotiv che coinvolgerà tutti gli spazi della Fondazione, insieme alle opere di artisti visivi, presentate di volta in volta nel corso delle serate, che comporranno, così, un unicum espositivo. È questa la novità del consueto ciclo di appuntamenti serali Meteorite in Giardino alla Fondazione Merz di Torino. La rassegna di arte […]

Fondazione Merz - foto di Andrea Guermani

La forma-concerto sarà il leitmotiv che coinvolgerà tutti gli spazi della Fondazione, insieme alle opere di artisti visivi, presentate di volta in volta nel corso delle serate, che comporranno, così, un unicum espositivo. È questa la novità del consueto ciclo di appuntamenti serali Meteorite in Giardino alla Fondazione Merz di Torino. La rassegna di arte e musica, che prende il nome dal titolo di un’opera di Mario Merz del 1976, si apre con la nuova realtà di musicisti Merzensemble (tromba, trombone, sassofono e percussioni) diretta da Willy Merz, che si esibirà nello spazio esterno della Fondazione, accanto all’igloo di Merz. In scaletta un mix di generi che spaziano dalla musica medioevale del Trecento alla performance di teatro musicale d’avanguardia, passando per il jazz e i classici del Novecento, come Xenaxis e Scelsi.
Musiche di Nino Rota per Giuseppe Pietroniro (7 luglio); sinfonie di Johann Sebastian Bach per l’iraniana Parastou Forouhar (19 luglio); jazz di Duke Ellington e Charlie Mingus per Maurizio Vetrugno (21 luglio); partiture di Franz Liszt e Luciano Berio per Alessandro Sciaraffa (26 luglio). Il video di Petra Lindholm e la musica di Willy Merz, sul testo Et Ultra Chaos Pererro di Galileo Galilei, chiuderanno la rassegna a novembre al Museo Nazionale del Cinema di Torino.

Claudia Giraud

Martedì 28 giugno 2011 – ore 21.30
Via Limone, 24 – Torino
fondazionemerz.org/eventi/meteorite-in-giardino-2011

 

CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).