Ma allora l’exhibition-trailer funziona. Torna anche con l’italo-argentino Raul Gabriel, in mostra a Perugia

Un trailer che anticipa l’apertura di una mostra, proprio come se si trattasse di un film. Una formula che prende campo e che ritorna, sempre di più, a connotare le strategie di comunicazione di eventi espositivi. Avevamo pubblicato, pochi giorni fa, il videoclip d’artista girato da Marco Scifo per raccontare la sua stessa personale alla […]

Uno still dal trailer di Gabriel

Un trailer che anticipa l’apertura di una mostra, proprio come se si trattasse di un film. Una formula che prende campo e che ritorna, sempre di più, a connotare le strategie di comunicazione di eventi espositivi. Avevamo pubblicato, pochi giorni fa, il videoclip d’artista girato da Marco Scifo per raccontare la sua stessa personale alla galleria Z2O di Sara Zanin, e adesso eccovi quello dedicato all’italo-argentino Raul Gabriel, stavolta confezionato dallo Studio Ray di Roma.
La mostra, dal titolo Cube, è curata da Alberto Dambruoso e fa parte del menu di Festarch, Festival internazionale dell’architettura di Perugia. Nel trailer, in cui l’artista si racconta davanti alla camera, mette insieme immagini di Gabriel a lavoro, alle prese con quella materia solida e arcaica che sta alla base del suo progetto scultoreo: un parallelepipedo realizzato con pietre di scarto, dotato di una struttura solida, che innesca un cortocircuito tra monumentale e frammentario…

– Helga Marsala

Raul Gabriel, Cube
a cura di Alberto Dambruoso.
2 giugno-30 luglio 2011
ex gipsoteca Cappelletti, Perugia
Curatore Alberto Dambruoso
Autore Raul Gabriel

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.