Lo Strillone: Vatican-art a Roma su Avvenire. E poi net art, Licini, Gengis Khan…

La net art provoca: identità, comunicazione, reale e virtuale… siamo ciò che clickiamo? O siamo ciò che gli altri clickano su di noi? Il Fatto Quotidiano lancia una collettiva al Centro Strozzina di Firenze. E in riva all’Arno va pure Il Secolo d’Italia, con tutti i perché e percome sulla possibilità e il senso di […]

Quotidiani
Quotidiani

La net art provoca: identità, comunicazione, reale e virtuale… siamo ciò che clickiamo? O siamo ciò che gli altri clickano su di noi? Il Fatto Quotidiano lancia una collettiva al Centro Strozzina di Firenze. E in riva all’Arno va pure Il Secolo d’Italia, con tutti i perché e percome sulla possibilità e il senso di portare la Gioconda in città. Intanto su Libero spuntano tre tombe medievali: lavori in corso in Piazza del Duomo a Pistoia.

Qualche profeta in patria c’è. È Osvaldo Licini, grande pittore marchigiano che – in coppia con Morandi – finisce in mostra nella sua Monte Vidon Corrado e nella vicina Fermo. Fonte L’Unità. Lunedì apre a Roma la collettivona di arte contemporanea che papa Ratzinger ha voluto per celebrare il proprio pontificato: Avvenire gioca d’anticipo con intervista doppia a Paladino e Berengo Gardin.

Primissimo piano del Corriere della Sera, con tanto di richiamo in prima – e firma di Pietro Citati – dedicato a Gengis Khan, in uscita per Adelphi l’ultimo saggio in ordine di tempo dedicato al mitico tiranno mongolo. Continuano le uscite ad orologeria di inediti datate: ieri abbiamo visto Hemingway e Scerbanenco un po’ ovunque; oggi è la volta delle più crude lettere antisemite di Céline, scovate e anticipate da Il Giornale.

Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.