È all’aeroporto di Olbia la nuova sezione del Man di Nuoro. Debutto sardo per l’Art-Port Wall

  Dopo Art-Port Gallery, che ha visto la nascita di uno spazio espositivo all’interno dell’aeroporto di Olbia, voluto dalla Geasar (società che lo gestisce), è stata la volta di Art-Port Corner. Una parete espositiva all’interno del self service che nel giro di pochi mesi ha fatto da prestigiosa vetrina a 11 artisti sardi. In questo […]

 

Dopo Art-Port Gallery, che ha visto la nascita di uno spazio espositivo all’interno dell’aeroporto di Olbia, voluto dalla Geasar (società che lo gestisce), è stata la volta di Art-Port Corner. Una parete espositiva all’interno del self service che nel giro di pochi mesi ha fatto da prestigiosa vetrina a 11 artisti sardi. In questo nuovo progetto prende forma Art-Port Wall, l’ultima sezione del muro più rilevante per dimensioni e posizione – si estende, infatti, per tutta hall centrale -, curato nel suo esordio dal Museo Man di Nuoro che per l’occasione propone Far away so close di Vincenzo Pattusi (Nuoro, 1978).
Sei riproduzioni stampate su tela che occupano complessivamente 130 metri lineari. Una sorta di monumentale arazzo che rivela l’appartenenza al mondo dei writers dell’artista, ma anche il legame con la tradizione sarda, visibile nei motivi decorativi di tessuti e tappeti che fanno da fondale alle figure.

– Roberta Vanali

www.gaesar.it

CONDIVIDI
Roberta Vanali
Critica, curatrice e giornalista d’arte contemporanea. Ha collaborato con le riviste d’arte Ziqqurat, Terzocchio e Grandimostre. 2000/2010 Caporedattrice per la Sardegna della rivista online e cartacea Exibart. Da gennaio a dicembre 2006 direttrice della Galleria Studio 20, via Sulis 20, Cagliari. Da marzo 2011 Caporedattrice per la Sardegna della rivista ARTRIBUNE Ideatrice della rubrica di iconografia Icon (on) Graphy per la rivista Artribune. Da aprile 2010 consulente artistica della galleria online Little Room Gallery. Da ottobre 2006 curatrice del blog BlogArte http://robertavanali.blogspot.com/ e della rubrica Interviews. Ha redatto circa 250 articoli e curato oltre cinquanta mostre in spazi pubblici, privati e musei.
  • L’arazzo di Baieux in salsa Sarda, con dentro solo i conquistati.
    Parliamo d’altro vah.