L’assalto alla diligenza. Quale nomina improbabile sostituirà Paolo Baratta alla guida della Biennale?

Artribune dichiara senza mezzi termini il suo endorsment: consideriamo qualsiasi presidente della Fondazione Biennale di Venezia peggiore dell’attuale. E dunque riteniamo più che opportuno che a Paolo Baratta – in scadenza di mandato a fine anno – venga rinnovato il compito di guidare il più importante ente culturale del paese. Sia per quanto dimostrato sino […]

Paolo Baratta (foto: Giorgio Zucchiatti, Courtesy la Biennale di Venezia)

Artribune dichiara senza mezzi termini il suo endorsment: consideriamo qualsiasi presidente della Fondazione Biennale di Venezia peggiore dell’attuale. E dunque riteniamo più che opportuno che a Paolo Baratta – in scadenza di mandato a fine anno – venga rinnovato il compito di guidare il più importante ente culturale del paese. Sia per quanto dimostrato sino ad oggi, sia per l’ormai impeccabile conoscenza della “macchina”, sia per i tanti progetti avviati (primo tra tutti la valorizzazione dei millemila ettari di Arsenale che finiranno in pancia alla Fondazione stessa) e da far partire in questi mesi.
Peccato che quel che è ovvio, ovvero confermare un amministratore che ha ben fatto e ha ottenuto risultati, non è ovvio nel nostro paese. Ed ecco i nomi improbabili (che ne dite di Fabrizio Del Noce?) che potrebbero far cadere anche quest’ultimo baluardo di eccellenza che tiene alto il nome del paese a livello internazionale. Dopo la Mostra del Cinema si deciderà. Staremo a vedere se un Governo sfiduciato di fatto e debolissimo sotto ogni punto di vista, riterrà opportuno interrompere una storia di successo e di qualità come l’attuale gestione della Fondazione veneta.

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • ma

    Assolutamente d’accordo! basta però che non riconfermi la Curiger alle Arti Visive! Che tristezza!!!!!

  • sgric

    il fatto che baratta abbia gli anni di noè a noi non ci tange…o ci tange?

  • Bhe, Bondi è libero no?????? :D

  • SAVINO MARSEGLIA (curatore indipendente)

    In Italia, come si suol dire una nomina vale l’altra. Qui non si muove foglia; tutto è bloccato nelle caste chiuse d’appartenenza, che decidono come gli pare, alla faccia del merito. Tutto viene sempre deciso dall’alto, ma sempre sulla testa degl’artisti e dei cittadini. Abbiamo visto i risultati in questa Biennale che sta facendo ridere mezzo mondo. Leggete i giornali stranieri e capirete quanto sia ridicolo questo carrozzone della “commedia dell’arte” di artisti veri e finti; di vere e finte pornostar, cicisbei di corti e una moltitudine di catafalchi culturali in cerca di qualche esile emozione lagunare…

  • hm

    lapo elkann .
    in alternativa quel grande scrittore di suo padre .

    • a. p.

      lipu elkann

  • vitoc

    io sono per nicole minetti già promossa a parte civile

  • lorenzoMarras

    Tempo perso. Sicuramente il sostituto sara’ come al solito preso dal serbatoio della cosidetta “sinistra al caviale” faccia speculare e complementare della destra di casa piu’ becera e stracciona.