Il Dubbio della Bellezza? Ve lo svela Artribune. Siamo entrati alle Fruttiere di Palazzo Te a Mantova, per la solita anteprima…

Biennale di Venezia a parte, giugno è sempre un mese particolarmente caldo, sul fronte delle mostre e in generale delle iniziative legate alle arti. Musei, centri d’arte, istituzioni varie pronti a sparare le loro cartucce in vista della stagione estiva, che per alcuni – vedi località di villeggiatura – è quella clou, per altri è […]

Biennale di Venezia a parte, giugno è sempre un mese particolarmente caldo, sul fronte delle mostre e in generale delle iniziative legate alle arti. Musei, centri d’arte, istituzioni varie pronti a sparare le loro cartucce in vista della stagione estiva, che per alcuni – vedi località di villeggiatura – è quella clou, per altri è quella della pausa e della riflessione. In ogni caso un mese impegnativo per Artribune, che si è messa in testa di farvi vedere qualcosa che difficilmente capita di vedere altrove, ovvero il dietro le quinte, gli allestimenti delle mostre in progress, in sostanza portarvi dentro gli eventi prima che siano inaugurati.
Oggi è la volta delle Fruttiere di Palazzo Te a Mantova, dove sta per aprirsi la mostra Il Dubbio Della Bellezza. Fotografie dalla Collezione Gibelli, a cura di Denis Curti. Un vero e proprio percorso nella fotografia del ‘900, dalle avanguardie al Neorealismo, dal Pop al Postmoderno, con nomi come Berenice Abbott, Piergiorgio Branzi, Laurence Demaison, Gilbert Garcin, Max Huber, Mario Lasalandra, Arno Rafael Minkkinen, Ferdinando Scianna, Arthur Tress, Maurizio Galimberti, Giuseppe Mastromatteo, Irene Kung