Galleria, museo, spazio pubblico? No, ascensore. Eccovi la foto-anteprima di Carlo Bernardini al Macro

Difficile orientarsi sulla location, dalle immagini: in effetti è abbastanza anomala, e allora ve la diciamo subito noi. Si tratta dei vani ascensore della parte storica del Macro. Sì, altro Macro-step fotografico, con la photo-preview dell’installazione di Carlo Bernardini pronta per l’inaugurazione venerdì 24 giugno. Titolo: La Rivincita dell’angolo. “L’angolo in veste di contenitore può […]

Difficile orientarsi sulla location, dalle immagini: in effetti è abbastanza anomala, e allora ve la diciamo subito noi. Si tratta dei vani ascensore della parte storica del Macro. Sì, altro Macro-step fotografico, con la photo-preview dell’installazione di Carlo Bernardini pronta per l’inaugurazione venerdì 24 giugno.
Titolo: La Rivincita dell’angolo. “L’angolo in veste di contenitore può diventare esso stesso opera, trovando così il suo riscatto in una dimensione ‘altra’ nella riconfigurazione dello spazio attraverso una nuova architettura di luce”. Da vedere “de visu”, ma intanto fatevi una mezza idea…

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Barbara Pazzaglia

    E’ un’istallazione copiata da un quadro di Paul klee

  • Michele Napoleone

    Grande Bernardini, in fondo ti hanno assegnato un’angolo del Museo e l’hai saputo trasformare in una bella “rivincita”!!

  • giorgio piersanti

    Visto uno visti tutti, una noia mortale.

    considerando poi che tutto parte da una brutta copia dello spazio elastico di gianni colombo fatta utilizzando le fibre ottiche invece che gli elastici e le lampade di wood, si apprezza a pieno l’inesistente spessore di questi allestimenti.

  • ciao Carlo
    Complimenti e congratulazioni
    il
    GRUPPO SINESTETICO

  • Costanza Cassetti

    Ciao Carlo,

    ieri abbiamo passato una splendida serata al MACRO, la tua installazione ci ha lasciati senza respiro, ancora complimenti per il tuo lavoro. COSTANZA

  • Adriana Dalla Chiesa

    E’ sempre un’emozione davanti ai tuoi lavori, sei riuscito a trasformare uno spazio sacrificato in un ambiente sublime. “La rivincita dell’angolo” come l’hai voluta chiamare è un’opera intelligente, perfettamente risolta. Pochi artisti avrebbero avuto il tuo coraggio. Sei un grande! ADRIANA e RODOLFO

  • Emanuela e Paolo

    Carlo Bernardini, l’eroe dei nostri tempi (Normalman!) abbarbicato su trabattelli traballanti a tessere spazi di pura poesia.

  • Michele Napoleone

    Bel lavoro veramente, cambia in maniera radicale da ogni punto di vista. E poi attraversare l’opera con l’ascensore è geniale!

  • Fabrizio Campana

    Caro Piersanti, paragonare lo spazio elastico di Gianni Colombo, opera incentrata su un’effetto cinetico in un abiente predefinito dall’artista al lavoro di Beranrdini che tende a ridisegnare con la luce vuoti in spazi già esistenti è davvero una valutazione grossolana. Fabrizio Campana.

  • chiara miletti

    A ben guardare forse giorgio non ha tutti i torti, provate a guardare un po’ qui:

    http://snipurl.com/1a5dio

    Anche il fatto che molte installazioni si intitolano “la luce che genera lo spazio” mi sembra un chiaro riferimento alla ricerca di Colombo, no?

  • francesca

    Grande Prof.!!!!! sei sempre il migliore!!!!!!!!!!!!!!!!!! THE BEST!!!!!!!!!