Danza contemporanea, Dante e temi esistenziali. All’Hangar Bicocca la Commedia secondo Greco e Scholten (scenografia Kiefer…)

“Tutto ciò che ha valore è vulnerabile”. Parola del poeta olandese Lucebert, che ha ispirato la ricerca dantesca di Emio Greco e Pieter C. Scholten tesa a restituire, attraverso la centralità del corpo in movimento, forza muscolare e nuova vis retorica alla vulnerabilità. Dopo le quattro tappe che hanno scandito la ricerca sul dal poema […]

La Commedia © Marco Caselli Nirmal 1_1

Tutto ciò che ha valore è vulnerabile”. Parola del poeta olandese Lucebert, che ha ispirato la ricerca dantesca di Emio Greco e Pieter C. Scholten tesa a restituire, attraverso la centralità del corpo in movimento, forza muscolare e nuova vis retorica alla vulnerabilità. Dopo le quattro tappe che hanno scandito la ricerca sul dal poema dantesco – Hell (2006), il dittico sul purgatorio In visione e Popopera (2008) Para | Diso (2010) – La Commedia versione Emio-Scholten sbarca il 23 giugno a Milano all’Hangar Bicocca, per un allestimento destinato a rimanere nella memoria visto che prende ispirazione e si contamina con i Sette Palazzi Celesti di Anselm Kiefer e le opere di Terre Vulnerabili.
I due artisti, uno italiano e l’altro olandese – la cui compagnia, attiva dal 1995, ha vinto importanti premi internazionali e ideato l’ICKamsterdam (2009), centro di produzione, workshop, seminari e ricerche a sostegno dei nuovi talenti della danza internazionale –, ripensano il viaggio ultramondano di Dante Alighieri come pretesto per aprire alle grandi questioni esistenziali, toccando i temi dell’influenza informazionale e politica dei mass media, del populismo, della megalomania e della responsabilità individuale,senza dimenticare una dose di umorismo. Un’indagine sulla lotta esistenziale per la dignità e il rispetto dell’individuo può essere combattuta con le armi delle risate, si chiedono Greco e Scholten? Non resta che vedere lo spettacolo…

Mirta Silva

www.hangarbicocca.it