Biennale o festa campestre dei Boy Scout? E ai Giardini spuntano i pranzetti al sacco a 7 euri…

Vabbene che i tempi sono duri, e anche la Biennale risente dei tagli ai finanziamenti che il ministro Galan ieri ha carinamente quantificato, solo sul fronte Regione (con una frecciatina al suo successore Luca Zaia), in un milione e 300mila euro. Vabbene anche che in effetti in questi primi giorni bar e punti ristoro fra […]

Vabbene che i tempi sono duri, e anche la Biennale risente dei tagli ai finanziamenti che il ministro Galan ieri ha carinamente quantificato, solo sul fronte Regione (con una frecciatina al suo successore Luca Zaia), in un milione e 300mila euro. Vabbene anche che in effetti in questi primi giorni bar e punti ristoro fra Giardini e Arsenale risultavano più affollati di un concerto di Ligabue, costringendo i biennalisti a code sfiancanti o ad ancor più sfiancanti digiuni. Ma vi pare possibile che si debbano veder fiorire tavolini come questo in foto, con tanto di tovaglietta striminzita, ai quali si distribuiscono box lunch con panino+acqua+frutto per 7 euri? Manco si fosse alla maratona stracittadina di Velletri o alla sagra campestre di Castiglione Olona?

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • augusto

    invece è una bella idea!!

  • Roberto

    il problema è il prezzo, mi sa che quandi vengo mi porto il cestino da me nello zainetto.

  • oh sìsì!

    Potrebbe diventare la migliore opera d’arte della Biennale, basterebbe intitolarla: “Box Lunch: un’occasione da prendere al volo!”. A qualche metro di distanza li acquisti e loro te li lunchiano… :|

  • SAVINO MARSEGLIA (curatore indipendente)

    Una signora portava a spasso il suo barboncino nel giardinetto del Padiglione Italia, I visitatori, l’hanno apprezzato come un’ autentica opera d’arte!

  • Oscar

    Il mangiare e il bere sono le prime e forse uniche necessarie opere d’ arte giornaliere, cui siamo quasi obbligati : perchè poi …. giocoforza tutto si riduce a M…. ( d’ ARTISTA … ) anche nella CARISSIMA VENEZIA !!!

  • Lo “scandalo” è solo negli occhi (evidentemente molto snobbish da “addetto ai lavori” scocciato di trovarsi confuso fra gli aborriti “commoners”) di chi ha scritto l’articolo, altro esempio di “non notizia”di cui proprio non si sentiva la mancanza! Siete a corto di idee? Stanchi di girare per Venezia in cerca di cose di cui valga la pena scrivere? Volete qualche suggerimento o preferite continuare a “raschiare il fondo” delle vostre fotocamere?