Artribune si piglia tutto il rischio di sbagliare ma vi dice che il nuovo direttore del Macro è Bartolomeo Pietromarchi

Comunicazioni ufficiali, non ce ne sono. Comunicazioni ufficiose, neppure. E allora si tratta di fare i segugi, di incrociare voci, di far sì che tre, quattro, cinque indizi facciano una prova. E di rischiare a buttar lì un nome che, verosimilmente, assai verosimilmente potrebbe essere nei prossimi giorni nominato direttore del Macro, museo lasciato orfano […]

Bartolomeo Pietromarchi

Comunicazioni ufficiali, non ce ne sono. Comunicazioni ufficiose, neppure. E allora si tratta di fare i segugi, di incrociare voci, di far sì che tre, quattro, cinque indizi facciano una prova. E di rischiare a buttar lì un nome che, verosimilmente, assai verosimilmente potrebbe essere nei prossimi giorni nominato direttore del Macro, museo lasciato orfano dalle dimissioni di Luca Massimo Barbero.
Se le cose non cambieranno, se non prenderanno una piega strana a imperscrutabile, il direttore del Macro dovrebbe proprio essere, a partire dal 1 luglio, Bartolomeo Pietromarchi. Quarantatreenne messosi in luce negli Anni Zero come direttore di una allora attivissima Fondazione Olivetti, Pietromarchi è oggi curatore al Maxxi dove segue tra le altre cose il Premio Italia Arte Contemporanea.
Ci arrischiamo ad annunciare in netto anticipo la sua nomina sia perché gli elementi in nostro possesso la danno ormai come quasi certa (ma in questi casi è bene tenere in debita considerazione quel “quasi”), sia perché è una nomina che ci conforta e ci fa piacere. Una nomina di buona qualità (con meriti dunque anche all’amministrazione che la effettua, visto quanto è facile sbagliare) che potrà permettere al Macro di mantenere e incrementare il suo ruolo nella città, in Italia e a livello internazionale.
Sarà importante, a questo punto, far sì che il nuovo direttore abbia modo di lavorare con una prospettiva temporale accettabile, che non sia limitata dall’eventuale nascita della Fondazione Macro, nei prossimi mesi. Il nuovo direttore del Macro dovrà avere modo di progettare il museo per i canonici tre anni di incarico, e se durante questi tre anni – come tutti auspicano – nascerà la Fondazione e questa fondazione si darà come regola quella di eleggere il direttore previo bando internazionale, questa regola si dovrà applicare a partire dal prossimo mandato, non certo interrompendo questo come qualcuno aveva paventato.
Auspichiamo dunque di non aver sbagliato previsioni e di poter rivolgere quanto prima un in bocca al lupo ed un augurio di buon lavoro, questa volta ufficialmente, al nuovo direttore del Macro.

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • babajaga

    Raffaele Gavarro
    Ludovico Pratesi
    Gianluca Marziani (cassato)

  • Massimiliano

    Bè se fosse così, complimenti a voi!
    In effetti anche Barbero auspicava una più stretta collaborazione con il MAXXi…
    E se la fondazione facesse un MAXXI piglia tutto?

  • marta jones

    in fondo sono tutti ‘consulenti’ del Comune di Roma che non possono portare avanti il programma e le strategie che vogliono, ma quelle che devono….o no?!

    • …un “consulente” esperto e capace sa sempre come portare avanti il programma che “vuole” facendoselo porre come il programma che “deve”… in alternativa è solo uno che ruba l’onirario che gli danno

  • SAVINO MARSEGLIA (curatore indipendente)

    Per giudicare se questi consulenti al servizio del Comune di Roma, rispondano o meno a questo ruolo, è prima necessario domandarsi se l’arte ha a che fare con il potere, o ha la capacità di mettere in discussione proprio il ruolo di questi consulenti?

  • Massimiliano

    ovviamente rinnovo i complimenti…