“Tra le dieci migliori produzioni culturali del decennio”. E La critica francese incorona il Parsifal di Romeo Castellucci

Dopo il quotidiano Le Monde, che aveva definito Inferno Purgatorio Paradiso di Romeo Castellucci – trilogia spettacolare liberamente ispirata alla Divina Commedia di Dante Alighieri – “una tra le dieci produzioni culturali che hanno segnato il primo decennio del Duemila”, la Francia tributa al regista italiano una nuovo prestigioso riconoscimento. Che il Parsifal, prodotto dalla […]

Romeo Castellucci

Dopo il quotidiano Le Monde, che aveva definito Inferno Purgatorio Paradiso di Romeo Castellucci – trilogia spettacolare liberamente ispirata alla Divina Commedia di Dante Alighieri – “una tra le dieci produzioni culturali che hanno segnato il primo decennio del Duemila”, la Francia tributa al regista italiano una nuovo prestigioso riconoscimento.
Che il Parsifal, prodotto dalla Teatro d’Opera De Munt/La Monnaie di Bruxelles con la geniale regia di Castellucci e la direzione musicale di Hartmut Haenchen, fosse un evento straordinario e che sarebbe rimasto negli annali della regia lirica, lo si era sentito da più parti, ma ora l’assegnazione del Prix Europe Francophone da parte del Syndicat de la critique Théâtre, Musique et Danse ne dà conferma ufficiale, durante la 48° edizione dei Premi della critica.
Nelle note di motivazione redatte dal critico Sébastien Foucart si legge: “L’ultimo Atto fa a meno della scenografia, poiché qui la scena, immersa in un buio intenso, è occupata da una folla di centinaia di persone, tutti figuranti volontari, in mezzo ai quali si mescolano i membri del Coro de La Monnaie che effettuano tra l’altro una prestazione di prim’ordine. Questi uomini e donne di tutte le età che camminano verso gli spettatori – su un tapis roulant rumorosi –  costituiscono una delle numerose immagini potenti di questo Parsifal straordinario, che potrebbe competere con le più leggendarie produzioni di questo capolavoro”.

– Paola Fleur

www.syndicat-critique-tmd.fr
www.lamonnaie.be/en/opera/44/

Romeo Castellucci