“Non rispondo a Sgarbi, geniale ma molto confuso”. Ma poi risponde, Luca Beatrice…

“Non mi sembra il caso di rispondere a Sgarbi, personaggio a suo modo geniale ma in questo momento molto confuso“. Non tarda ad arrivare la replica di Luca Beatrice, al quale il Vecchio Sgarbone – interpellato ieri da Artribune – aveva addossato molti dei mali della sezione piemontese del Padiglione Italia, prima di annunciarne la […]

Luca Beatrice

Non mi sembra il caso di rispondere a Sgarbi, personaggio a suo modo geniale ma in questo momento molto confuso“. Non tarda ad arrivare la replica di Luca Beatrice, al quale il Vecchio Sgarbone – interpellato ieri da Artribune – aveva addossato molti dei mali della sezione piemontese del Padiglione Italia, prima di annunciarne la sospensione. In particolare, riguardo alla composizione finale delle liste degli artisti invitati.
Io non conosco molti degli artisti della lista, nomi come Lanteri, Cazzato, Palumbo – precisa ancora il critico torinese -, sono intervenuto, ad esempio, per correggere Vittorio nella confusione fra Filippo di Sambury ed Aimone Sambury. Poi c’era un artista, un certo Fracchia (e sorride…), che io non conoscevo, ho interpellato, e lui mi ha detto di essere milanese, di non aver nulla a che fare con Torino, di non esserci neanche mai stato…”.

“Pochi artisti, vogliamo fare la mostra con la ‘lista di Beatrice’?”. E Sgarbi congela la Biennale in Piemonte