Strano, insolito, diagonale. A Venezia passa in rassegna il cinema queer…

  A contribuire al dibattito su un tema reso caldo – anzi caldissimo – dalla recentissima bocciatura della legge contro l’omofobia, arriva a Venezia – negli splendidi spazi della sede IUAV delle Terese – il ciclo di film Cinema alla luce del giorno. Una rassegna eterosessuale. Cinque matinées per raccontare fino al 27 maggio altrettante […]

Il Chiostro delle Terese, sede Iuav

 

A contribuire al dibattito su un tema reso caldo – anzi caldissimo – dalla recentissima bocciatura della legge contro l’omofobia, arriva a Venezia – negli splendidi spazi della sede IUAV delle Terese – il ciclo di film Cinema alla luce del giorno. Una rassegna eterosessuale. Cinque matinées per raccontare fino al 27 maggio altrettante storie oblique: si parte con il controverso  Tropical Malady di Apichatpong Weerasethakul; seguono Tsai Ming-liang con Goodbye, Dragon Inn (2003), Flaming Creatures (1963) di Jack Smith e  L’Assassinio di Sister George (1968) di Robert Aldrich; infine si conclude con lo sguardo documentario di Paris is burning dell’americana Jennie Livingstone.
Cinque titoli scelti per gettare una prima luce sui queer studies, da tempo entrati nelle università americane e anglosassoni, ma che nell’Italia un po’ bacchettona ancora non decollano. La rassegna si presenta anche come l’occasione per  mettere sotto torchio Antonio Bigini, Tomaso De Luca, Sabina Grasso e Motel Lucie, che chiusi dentro l’appartamento Lago si confronteranno quotidianamente con curatori, artisti, giornalisti e sociologi. Tutto qua? No, perché questo lavorio è il preludio a una “una giornata particolare”… con sviluppi tutti da seguire tra le calli veneziane.

Giulia De Monte

Il programma completo

CONDIVIDI
Giulia De Monte
Classe 1986, studi in Storia dell’Arte Contemporanea, scorazza liberamente per tutta l’Italia, possibilmente anche per il mondo; gestisce il blog Arte Libera Tutti, che si occupa di documentare il lato B dell’arte contemporanea, fatto di associazioni, collettivi e gruppi informali, tra nuovi modelli curatoriali e fruitivi. Ha pubblicato una serie di articoli per AAA TAC, rivista edita dalla Fondazione Cini di Venezia. Dal 2010 collabora con la neonata Venice Design Week, evento collaterale alla Biennale che si occupa di promuovere e investigare le relazioni tra arte, design e artigianato.
  • Donato

    “Splendidi spazi” così così…