Stanziamenti? È il Maxxi che dovrebbe dare soldi al Ministero. Galan soffia sulla prima candelina del museo nazionale

306 giorni di apertura, 476.400 visitatori, 20 mostre. Al ministro per i Beni e le Attività Culturali Giancarlo Galan, questi numeri piacciono, piacciono eccome! In occasione del primo anno del Maxxi, il Direttore Anna Mattirolo ed il Presidente Pio Baldi ospitano il Ministro negli spazi del museo, dal Maxxi B.A.S.E. alla Caffetteria, dal laboratorio didattico […]

306 giorni di apertura, 476.400 visitatori, 20 mostre. Al ministro per i Beni e le Attività Culturali Giancarlo Galan, questi numeri piacciono, piacciono eccome! In occasione del primo anno del Maxxi, il Direttore Anna Mattirolo ed il Presidente Pio Baldi ospitano il Ministro negli spazi del museo, dal Maxxi B.A.S.E. alla Caffetteria, dal laboratorio didattico alle suite. E Galan apprezza le linee spezzate dell’architettura di Zaha Hadid, e ironizza sugli specchi di Michelangelo Pistoletto, che alluderebbero alla sagoma di Rosi Bindi. Portandosi via una mini-sedia Red and blue di Rietveld (corredata di istruzioni per il montaggio) per il figlio.
Altri numeri, per un successo ampiamente annunciato: 110mila partecipanti agli eventi ospitati o prodotti dal museo, oltre 2.600.000 euro (!!!) di incasso annuale in biglietteria, 14 euro di spesa media per visitatore (siamo ai livelli del Met di New York). E poi 500 visite per le scuole con 12mila studenti, 18mila cataloghi venduti, 1250 utenti e 800 tesserati in 3 mesi al Maxxi B.A.S.E..
Così deve essere fatto un museo, ordinato, semplicemente splendido”, dichiara il ministro complimentandosi con il presidente per l’eccellente attività di fund raising, e ribadendo la volontà di lavorare sui limiti legislativi che vertono su donazioni e incentivi nell’investimento culturale. Anche se non si soffermerebbe sulle modalità “neanche sotto tortura”, l’idea che stia “studiando” sul da farsi non dispiace. In conclusione una lieve provocazione quando auspica “che sia il Maxxi a dare un utile al Ministero”; e un ultimo saluto al predecessore Bondi, ringraziato per l’impegno…

Chiara Miglietta

CONDIVIDI
Chiara Miglietta
Chiara Miglietta (Galatina, 1982) è critica d’arte e curatrice. Attualmente vive tra Roma, Lecce e Londra, con la valigia sempre pronta. Ha un master in Curatore d’Arte Contemporanea con esperienza presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali in occasione dell’apertura del MAXXI (2009-2010). Collabora con alcune testate di settore come pubblicista, con particolare interesse verso la politica, l’attualità e l’economia dell’arte. Ha lavorato presso il Museo Chiostro del Bramante di Roma, curato la tavola rotonda Seix6 con i direttori delle Fondazioni romane (MLAC, Roma, 2010), l’evento Illuminando Lecce e l’esposizione Lumina Terrae (Lecce, 2011). Cofondatore dell’Associazione Culturale AttivArti.