SOS arte. Grandi nomi con Sotheby’s per sostenere la nuova Serpentine Gallery a Londra

Matthew Barney, Louise Bourgeois, Cecily Brown, Olafur Eliasson, Fischli & Weiss, Yang Fudong, Gilbert & George, Felix Gonzalez-Torres, Douglas Gordon, Subodh Gupta, Andreas Gursky, Damien Hirst, Anish Kapoor, Ellsworth Kelly, Bharti Kher, Jeff Koons, Yayoi Kusama, Takashi Murakami, Shirin Neshat, Chris Ofili, Gabriel Orozco, Richard Prince. Grandi nomi, legati da tante e tante occasioni di […]

Il progetto della Serpentine Sackler Gallery by Zaha Hadid

Matthew Barney, Louise Bourgeois, Cecily Brown, Olafur Eliasson, Fischli & Weiss, Yang Fudong, Gilbert & George, Felix Gonzalez-Torres, Douglas Gordon, Subodh Gupta, Andreas Gursky, Damien Hirst, Anish Kapoor, Ellsworth Kelly, Bharti Kher, Jeff Koons, Yayoi Kusama, Takashi Murakami, Shirin Neshat, Chris Ofili, Gabriel Orozco, Richard Prince. Grandi nomi, legati da tante e tante occasioni di incontro e confronto, sul panorama del contemporaneo globale. Fra queste, il fatto di essere parte della storia espositiva di 41 anni di attività della Serpentine Gallery.
Ora l’istituzione londinese ha bisogno di loro? E loro corrono in soccorso. Il prossimo 30 giugno Sotheby’s London presenterà dunque in asta una cinquantina di opere donate da altrettanti grandi artisti internazionali, a beneficio del nuovo spazio a Kensington Gardens della Serpentine, la Serpentine Sackler Gallery, che aprirà nel 2012.
La Direttrice Julia Peyton-Jones e il condirettore Hans Ulrich Obrist hanno dichiarato di essere davvero onorati  per la generosità e il sostegno di questi grandi artisti, fondamentale per il futuro della Serpentine Gallery. Nel 2012, in concomitanza con le Olimpiadi e le Paraolimpiadi di Londra, la storica galleria inaugurerà questo nuovo spazio, dedicato ai talenti internazionali emergenti, completando così il programma della galleria esistente. L’edificio è stato rinnovato dall’archistar Zaha Hadid, che ha previsto un ulteriore padiglione che fungerà da spazio sociale e da ristorante.

Martina Gambillara

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.