Russia ascolta Italia. E a Mosca arrivano venti artisti visivi sound-sensibles…

L’arte italiana? Risuona in Russia. Nel senso figurato, certo, perché una mostra con una ventina dei migliori campioni della creatività italica non passa certo inosservata. Ma in questo caso risuona anche in senso letterale: Arte italiana all’ascolto ha infatti come principale scopo di mettere in evidenza la costante presenza del suono nelle opere delle ultime […]

L’arte italiana? Risuona in Russia. Nel senso figurato, certo, perché una mostra con una ventina dei migliori campioni della creatività italica non passa certo inosservata. Ma in questo caso risuona anche in senso letterale: Arte italiana all’ascolto ha infatti come principale scopo di mettere in evidenza la costante presenza del suono nelle opere delle ultime tre generazioni di artisti visivi in Italia.
Di chi parliamo? Di Mario Airò, Massimo Bartolini, Riccardo Benassi, Bianco-Valente, canecapovolto, Alberto Garutti, Donatella Landi, Martux_M, Liliana Moro, Cesare Pietroiusti, Alfredo Pirri, Vettor Pisani, Michelangelo Pistoletto, Emilio Prini, Annie Ratti, Donatella Spaziani, Alberto Tadiello, ZimmerFrei. Sono loro ad assicurarsi il palcoscenico offerto dell’Exhibition Hall dell’NCCA, a Mosca, per la mostra curata da Anna Cestelli Guidi in occasione delle celebrazioni per l’anno Italia-Russia 2011, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Mosca e RAM radioartemobile.

Inaugurazione: lunedì 16 maggio 2011 – ore 19.00
Dal 16 maggio al 5 giugno 2011
Zoologuicheskaya ul, 13, str.2 – 123242 Moscow, Russia
www.ncca.ru

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Salve, siamo la redazione di Uniroma tv.

    Dato il tema del blog, vi consigliamo il servizio da noi realizzato
    sul concerto di musica sacra russa che si è tenuto alla Basilica di Santa Prassede.
    L’evento si è svolto nell’ambito delle celebrazioni della cultura italo-russa.

    http://www.uniroma.tv/?id=18980
    A presto!