Meglio il Filo di piazza Cadorna o il Bottone di Fashion Avenue? Milano, New York ed un Oldenburg couturier…

Il padre è sempre Claes Oldenburg. Le figlie due, due sculture nate entrambe per celebrare “la Moda”, seppure concepite a distanza di qualche anno. In maniera simile, ma con destini diversi. Se a Milano l’Ago e filo inaugurata a piazza Cadorna nel 2000 continua di tanto in tanto a guadagnare in centro dell’attenzione – l’ultima volta a Natale […]

Il padre è sempre Claes Oldenburg. Le figlie due, due sculture nate entrambe per celebrare “la Moda”, seppure concepite a distanza di qualche anno. In maniera simile, ma con destini diversi. Se a Milano l’Ago e filo inaugurata a piazza Cadorna nel 2000 continua di tanto in tanto a guadagnare in centro dell’attenzione – l’ultima volta a Natale scorso, per via delle polemiche sulle luminarie -, a New York, a pochi anni dalla comparsa, la quasi gemella Ago e bottone non ha mai riscosso particolare notorietà.
Quasi ignorata dalle guide, la Fashion Avenue – più nota con il nome ufficiale di Seventh Avenue – celebra la moda newyorkese non solo con il “grande bottone” di Oldenburg, ma con una serie di targhe commemorative di stilisti (la Fashion Walk of Fame) che hanno segnato la storia del settore, da Ralph Lauren a Calvin Klein.

Due sculture sorelle ma differenti per stile: per New York timbro naturalistico, forse troppo grigio; per Milano approccio coloratamente surreale. Milanesi, che facciamo, ci teniamo la nostra o proponiamo un cambio?

Caterina Misuraca

CONDIVIDI
Caterina Misuraca
Caterina Misuraca nata a Lamezia Terme nel 1976. Vive e lavora a Milano. Laurea all’Università di Bologna in Discipline delle Arti della Musica e dello Spettacolo. Giornalista di cronaca, politica, costume e società. Curatrice mostre d’arte sociale (tra queste: OggettInstabili - Moti Urbani StazionImpossibili). Contitolare Agenzia di Comunicazione Misuraca&Sammarro. Organizza eventi di critical fashion ed ecodesign (tra questi: Natura Donna Impresa Verso Expò 2015 - IOricicloTUricicli). Dal 2008 collaboratrice di Exibart, da marzo 2011 passa ad Artribune.
  • Elena Manzoni di Chiosca

    Sarebbe bello averle tutte due….