Lo Strillone: tuttobiennale sul Corriere. E poi Guttuso, Carrington, Monna Lisa…

Primo pianissimo del Corriere della Sera: paginone centrale e richiamo in prima per parlare – è la prima volta – della Biennale vista come ciò che è o dovrebbe essere: un appuntamento con l’arte. Polemiche in secondo piano nel pezzo di pura e doverosa cronaca firmato da Paolo Conti; puntuale ma sobrio resoconto sul Padiglione […]

Quotidiani
Quotidiani

Primo pianissimo del Corriere della Sera: paginone centrale e richiamo in prima per parlare – è la prima volta – della Biennale vista come ciò che è o dovrebbe essere: un appuntamento con l’arte. Polemiche in secondo piano nel pezzo di pura e doverosa cronaca firmato da Paolo Conti; puntuale ma sobrio resoconto sul Padiglione Italia griffato Panza.

Il Saturno de Il Fatto Quotidiano gravita attorno al tema del paesaggio e della sua valorizzazione. Fatta secondo metodi poco ortodossi per Sacco & Caliandro, che raccontano la strana storia di Volterra e – a rimorchio – Montepulciano, che si reinventano paesi vampireschi sull’onda lunga del successo teen della saga di Twilight.

Cent’anni di Guttuso: ad aprire le celebrazioni per l’anniversario della nascita è una retrospettiva allestita a Livorno, prontamente ripresa da L’Unità. È un po’ fuorimano, ma che figata deve essere il Vivid Light Festival di Sidney? Il Sole 24Ore promette duecento eventi tra arte, musica e performance all’insegna della luce. Effetto scenografico garantito.

Suggerimenti per gite fuori porta: tutta da godere, secondo Europa, la piccola grande mostra che a Sarnano – 3500 abitanti nel maceratese  – celebra Vittore Crivelli e la schiera di pittori che nel Rinascimento fecero la spola tra Venezia e le Marche. Avvenire ricorda, giustamente, la meraviglia degli affreschi medievali di Castelseprio, piccolo paradiso dell’arte e della quiete in zona Malpensa.

Quotidiano Nazionale e La Repubblica piangono la scomparsa di Leonora Carrington, già compagna di Max Ernst e poi gran dama del Surrealismo, vicinissima a Breton. Ha chiuso gli occhi – a Città del Messico – a 94 anni.

La Stampa invita a Monforte d’Alba per la mostra di giocosi collage 3D firmati Cristina Lastrego, signora della narrativa per ragazzi che ammicca a Baj e Luzzati. Il Giornale non disdegna un aggiornamento sul caso Monna Lisa: ieri l’apertura di una delle tombe in Sant’Orsola a Firenze. Toh, c’è dentro uno scheletrino di donna!

Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.