Lo Strillone: Galan “demolisce” Venezia sul Corriere. E poi Sgarbi, Gioconda, Salone del Libro…

Andy da record a New York: Libero annuncia che Christie’s ha battuto un autoritratto di Warhol, datato ’63 – ’64, alla cifra record di 38 milioni e 400mila dollari. Un virgolettato di Roberto Faenza, ripreso da Il Fatto Quotidiano, spigola il ministro Galan: “ci aspettiamo da lui cose grandi. Almeno adeguate alla sua taglia”. Suona […]

Quotidiani
Quotidiani

Andy da record a New York: Libero annuncia che Christie’s ha battuto un autoritratto di Warhol, datato ’63 – ’64, alla cifra record di 38 milioni e 400mila dollari. Un virgolettato di Roberto Faenza, ripreso da Il Fatto Quotidiano, spigola il ministro Galan: “ci aspettiamo da lui cose grandi. Almeno adeguate alla sua taglia”. Suona come un’ironica risposta la notizia riportata da Il manifesto: il ministro blocca l’iter per il nuovo palazzo del Cinema di Venezia. Mancano 15 milioni di euro per smaltire l’amianto.

Sul tema è caustico Aldo Grasso sulla prima pagina del Corriere della Sera. Titolo inequivocabile: “Galan vola a Cannes e ‘demolisce’ Venezia”

Il Foglio a tutta pagina, richiamo in prima su Il Giornale per la nuova Sgarbeide: archiviate per il momento le vicende lagunari, tiene banco la sorte del programma che il nostro dovrebbe – al netto di slittamenti e/o cancellature – far partire su RaiUno.

Da un tormentone all’altro: Avvenire riporta la scoperta di ben due cripte nell’ex convento di Sant’Orsola a Firenze. Gaudeamus igitur! Siamo a tanto così dal cadaverino impolverato della Gioconda. E sul tema il “chissenefrega” del giorno è firmato, su Quotidiano Nazionale, da Roberto Pazzi. “Non svegliamo Monna Lisa” titola il suo elzeviro.

Toh, ci siamo anche noi. L’Unità festeggia la nascita di Artribune. Ma anche quella di Watt: letteratura e illustrazione di classe in anteprima al Salone del Libro di Torino. Caravaggio in trasferta sul Corriere: la Buona ventura in mostra all’Istituto Italiano di Cultura di New York.

Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.