Lo Strillone: Alemanno in croce sul Fatto Quotidiano. E poi Biennale, Rainaldi, Sgarbi…

Libero mette le mani avanti: partecipare alla Biennale è cool, ma considerata l’aria che tira con il Padiglione Italia non è poi detto che starsene a casa sia poi la fine del mondo. Messaggio tra le righe – sicuramente involontario! – nella presentazione alla mostra sul Gruppo di Scicli che inaugura a Bologna. La mannaia […]

Quotidiani
Quotidiani

Libero mette le mani avanti: partecipare alla Biennale è cool, ma considerata l’aria che tira con il Padiglione Italia non è poi detto che starsene a casa sia poi la fine del mondo. Messaggio tra le righe – sicuramente involontario! – nella presentazione alla mostra sul Gruppo di Scicli che inaugura a Bologna.

La mannaia de Il Fatto Quotidiano scende su Alemanno: ponderosa requisitoria che prende spunto dalle dimissioni di Barbero per infilare il dito nella piaga di politiche culturali giudicate ben poco oculate. Una tesi su cui entra pure L’Unità.

Sembra il Papa ma non è: almeno secondo il Vaticano. Che boccia – notizia ripresa abbondantemente da La Repubblica, con commento di ABO – la statua che Rainaldi ha piazzato, a Termini, in onore di Giovanni Paolo II.

Dopo la conferenza stampa fiume di ieri e lo sfogo in diretta su Radio24, Vittorio Sgarbi torna sul proprio flop dell’altra sera. Ne ha per tutti su Il Giornale: richiamone in prima pagina.

Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.