Altro che Padiglione Italia da duecento-e-oltre artisti, secondo Iabo l’arte italiana alla Biennale non c’è. E lo dice con uno spot televisivo

Il linguaggio, lo stile, la sonorizzazione sono quelli degli spot del Madre, qualche anno fa, pochi mesi dopo l’apertura del museo napoletano. Oggi quel plot viene riutilizzato dal fotografo Augusto de Luca e dallo street artista Iabo per protestare in maniera rapida ed efficace contro la china che ha preso il Padiglione Italia della prossima […]

Il linguaggio, lo stile, la sonorizzazione sono quelli degli spot del Madre, qualche anno fa, pochi mesi dopo l’apertura del museo napoletano. Oggi quel plot viene riutilizzato dal fotografo Augusto de Luca e dallo street artista Iabo per protestare in maniera rapida ed efficace contro la china che ha preso il Padiglione Italia della prossima Biennale.

Ora visto che lo spot non è male e che gli autori – o chi per loro – lo stanno insistentemente pubblicizzando (sui commenti di Artribune, dove sennò?), facciamo prima a pubblicarlo “ufficialmente” in una news come questa. A disposizione di tutti affinché nessuno possa dire “addo’ sta o piezz’?“.

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • … bello Iabo !!! Molto bello, in tre battute la piú bella sintesi di tanti lunghi discorsi!! Grazie ad Artribune per averlo pubblicato!

  • STUPENDO!

  • Lucio A.

    Schietto e diretto, molto efficace…tra le altre cose il nome di IABO compare nella lista degli artisti invitati ad esporre nel padiglione Regionale Campania della Biennale di Venezia…Fonte: http://www.undo.net/it/videopool/1304622093/1304677103
    cartella stampa ufficiale pubblicata su Undo.net

  • Lucio A.

    Schietto e diretto, molto efficace…tra le altre cose il nome di IABO compare nella lista degli artisti invitati ad esporre nel padiglione Regionale Campania della Biennale di Venezia…Fonte: cartella stampa ufficiale 5 maggio 2011

  • GRANDE SPOT. Ma come avevamo discusso nella pagina http://www.artribune.com/2011/05/ecco-come-salvare-il-padiglione-italia-e-la-faccia-in-quindici-giorni
    che ne dite di organizzare questo PADIGLIUONE ITALIA ALTERNATIVO?
    “Portamm tutte quant o piezz'”

    Come aveva scritto in uno dei commenti “un giovane artista”: “SAREBBE ANCHE INTERESSANTE UN PADIGLIONE SENZA CURATORE…UN PADIGLIONE PRESO IN ASSALTO LA NOTTE PRIMA DELLA “VERNICE”…
    UNA MAGNIFICA OPERA CORALE DI OCCUPAZIONE…DOVE VIVERE, MANGIARE, DORMIRE…SENZA MAI MOLLARE L’OCCUPAZIONE…
    ALTRO CHE !!!!”

    Direi che è una bella idea: RIAPPROPRIAMOCI DELLA BIENNALE E CACCIAMO I PARRUCCONI E I CIARLATANI MEDIATICI.

    • INTANTO ISCRIVETEVI AL NOSTRO EVENTO FACEBOOK: http://www.facebook.com/event.php?eid=154057284649748
      Sguardi Sonori 2011, giunto alla sua sesta edizione, è un Festival d’arte contemporanea a carattere nazionale organizzato dall’Associazione Culturale FaticArt con la partecipazione di oltre 50 artisti provenienti dall’Italia e dall’estero. La tappa di Roma prevede la Rassegna di VideoArte al CLAC, Centro Labicano Arte Contemporanea il 10 e 11 maggio. Non mancate e passate questo link ai vostri amici. Vi aspetto!!!

      Sandro

    • Giusy Lauriola

      Io ci sto al padiglione alternativo… dove ci “attacchiamo” le opere? Aspetto proposte..

    • Giusy Lauriola

      E metterei il video di Iabo come liet motiv e spererei in un padiglione con messaggi chiari con opere che hanno possibilità di essere comprese anche senza gli scritti ancora più incomprensiblli dei curatori. Ognuno espone il suo lavoro e ci scrive luei/lui stesso due righe…. ma dove ci accampiamo?

  • c

    Orribile mediocrità opportunista ( come molti dei progetti visti di questo “””Creativo””” ) che risponde a tono ad un evento che si preannuncia disastroso proprio per la sua “regionalizzazione” , quì siamo nel ghetto subculturale più oscuro dell’italia, quello che permette ancora alcuni addetti ai lavori di dire ” Artisti del Nord” o “artisti Del sud” o Romani ….
    Artribune orsù !!!!

  • Ferdinando

    De Luca e Iabo sono due GRANDI ! ! !

  • Grandissimo IABO !!!!

  • Gianluca

    Semplice,ironico ed efficace.
    Iabo e De Luca alias il Cacciatore di Graffiti, sono una coppia bomba.
    Finalmente anche con l’arte si può sorridere :)

  • Franca

    …ma quello con i baffi è De Luca ahahahahahah,un pazzo,troppo simpatico!
    Ma l’altro,il grassone è Iabo ?

  • spazio utopia

    in bocca la lupo Iabo!…anche se “azzccat”…vicini vicini…Ma tu esporrai al Museo PAN mica a Venezia, e forse ci sarà spazio per non morire di asfissia…

  • FIRMATE IN TANTI!!!
    IL PADIGLIONE ITALIA 2011 NON MI RAPPRESENTA!

    http://arte-milano.blogspot.com/2011/05/il-padiglione-italia-2011-non-mi.html

    • Vediamo

      il padiglione Italia non deve e non ha mai rappresentato me, te o chiunque altro oltre gli artisti . Ti dirò , non rappresenta manco i curatori che notoriamente sono nominati politicamente! A me Sgarbi non piace ma ha scelto un criterio e porterà a Venezia anche Artisti che operano da 50 anni in Italia ma che non facendo parte del sistema ABO, Politi, Bonami e compagnia non hanno mai avuto la visibilità che meritano . Non è Artista solo chi la Sapara Più Grossa e non è Contemporaneo solo chi usa video e realtà virtuale!!” .

  • SAVINO MARSEGLIA (curatore indipendente)

    Gli artisti fischiano il (Padiglione- locomotiva-Italia), la locomotiva fischia.
    Gli artisti sono una locomotiva.