Alla Biennale c’è anche il Padiglione Mediterraneo. Anzi no, è l’ennesima provocazione di Vincenzo Eulisse

Di manifesti e locandine che pubblicizzano le millanta iniziative in qualche modo associate alla Biennale, girando per Venezia, se ne incontrano a bizzeffe. E le più strampalate ed improbabili, che a volte nascondono pure progetti interessanti. Ve ne racconteremo uno, domani. Eppure questo ti colpisce subito, per qualcosa che non fila: infatti guardi bene e […]

Di manifesti e locandine che pubblicizzano le millanta iniziative in qualche modo associate alla Biennale, girando per Venezia, se ne incontrano a bizzeffe. E le più strampalate ed improbabili, che a volte nascondono pure progetti interessanti. Ve ne racconteremo uno, domani.
Eppure questo ti colpisce subito, per qualcosa che non fila: infatti guardi bene e scopri un tarocco in piena regola. Un “54. Biennale di Venezia” scritto in carattere e colore improvvisati, eppoi l’assenza assoluta del logo ufficiale della rassegna. Ed anche l’iniziativa promossa, il fantomatico Padiglione Mediterraneo, non risulta da nessun programma biennalesco. Ti avvicini, leggi meglio la firma sul disegno che decora il manifesto, e tutto si fa chiaro: trattasi di Vincenzo Eulisse, storico contestatore di diecine di biennali, fomentatore di proteste spesso strutturate ed estese, che stavolta – che sia un po’ appannato, a settantacincue anni suonati? – ha deciso di cavalcare il tema di maggiore attualità a livello globale…

 

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • BRAVO VINCENZO CHE GRAFFIA ANCORA

  • paolodv

    ancora una volta un grandissimo artista lascia il suo segno e a pieno titolo dissacra chi non vede … un grande cencio dal cuore grande che ama scherzare come i putei e a 75 ani sonai… ha la provocazione (innata) di un ragazzo di 20 anzi no di un ragazzo di 75.