Uptades Milano: ma qualche milanese verrà in fiera con 25 gradi all’ombra? Vantaggi e svantaggi di una MiArt posticipata

Certo il rischio in conto, gli organizzatori di MiArt, ce lo avevano senz’altro messo. Però, per metterla giù veramente semplice semplice, questa si chiama semplicemente sfiga! Metti su una fiera ad inizio Aprile e il tempo sembra quello di metà giugno quando le fiere, semmai, le si può fare nel nord della Svizzera. Ecco cosa […]

Certo il rischio in conto, gli organizzatori di MiArt, ce lo avevano senz’altro messo. Però, per metterla giù veramente semplice semplice, questa si chiama semplicemente sfiga! Metti su una fiera ad inizio Aprile e il tempo sembra quello di metà giugno quando le fiere, semmai, le si può fare nel nord della Svizzera.
Ecco cosa sta succedendo in questi giorni in una Milano torrida che, oggettivamente, fa più venir voglia di Santa Margherita Ligure, Lago Maggiore o Courmayeur che di starsene in fiera. La speranza di tutti è che i collezionisti troppo indaffarati durante la settimana e che dunque non sono passati in fiera durante l’opening, ce la facciano a resistere ad un weekend fuori città con questo popo’ di clima. Il timore di un sabato&domenica non proprio affollatissimo, tra i corridoi di MiArt, si fa concreto.

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Cristiana Curti

    Please, non si dia la colpa al meteo…

  • Cristiana C’urti

    E quando il tempo è brutto perché è troppo brutto (vedi Bologna), e quando è bello perché è troppo bello. Va beh va…