Updates Salone: oggetto bello meno funzione: uguale arte. Brera resta sempre Brera…

Zona Brera sarà anche, in questi giorni, tra i poli del Fuorisalone… ma resta la casa dell’arte, non dimenticatelo! E così tra lo shop della Fabriano e l’incontro con il design gastronomico di Fiammetta Marble a Il cucchiaio di legno – elegantissimo eat &shop che mixa ai massimi livelli vendita al dettaglio di oggettistica, cucina […]

Zona Brera sarà anche, in questi giorni, tra i poli del Fuorisalone… ma resta la casa dell’arte, non dimenticatelo! E così tra lo shop della Fabriano e l’incontro con il design gastronomico di Fiammetta Marble a Il cucchiaio di legno – elegantissimo eat &shop che mixa ai massimi livelli vendita al dettaglio di oggettistica, cucina e cultura del cibo -, in via Ponte Vetero c’è spazio anche per L’angolo obliquo della Galleria Effearte. Indagine sul potere della linea e del disegno; ma anche sul gusto per materie e materiali, con l’arte visuale – e concettuale – che strizza l’occhio ad architettura e design.
Andrea Facco (Verona, 1973) porta i suoi “residui di pittura”: astrazioni optical nate dalla ricomposizione di quanto è “avanzato” da lavori precedenti; mentre Giovanni Termini (Assoro – Enna, 1972) entra con prepotenza nello spazio della galleria, assemblando legno, plexiglas e polistirolo. Muove dall’architettura di regime Daniele Bacci (Lucca, 1975): le soluzioni formali del razionalismo all’italiana si rispecchiano nelle geometrie delle adunate fasciste.

Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.