Updates Salone: fra mobili zen e luci molecolari, lo studio CTRLZAK si fa uno e trino…

Un’usanza scoperta nelle vicinanze di un tempio buddista: ovvero porre piccoli ramoscelli sotto imponenti massi. “Questi esili bastoncini sembrano l’unico sostegno della pietra, in un gioco paradossale di equilibrio perfetto”. Nasce così D\ZEN, nuovo progetto presentato al Fuorisalone – nello spazio Dicocibo, via Antonio Cecchi – da CTRLZAK. Ma la partecipazione dell’inesauribile studio animato da […]

Un’usanza scoperta nelle vicinanze di un tempio buddista: ovvero porre piccoli ramoscelli sotto imponenti massi. “Questi esili bastoncini sembrano l’unico sostegno della pietra, in un gioco paradossale di equilibrio perfetto”. Nasce così D\ZEN, nuovo progetto presentato al Fuorisalone – nello spazio Dicocibo, via Antonio Cecchi – da CTRLZAK.
Ma la partecipazione dell’inesauribile studio animato da Thanos Zakopoulos e Katia Meneghini non si esaurisce certo qui: presenti con una collezione di porcellane allo stand Seletti al Superstudio Piú, e con Latente – installazione luminosa ispirata alla cucina molecolare – nello spazio Lerosse a Corso Garibaldi. Filo conduttore, sempre le contaminazioni fra cultura orientale ed occidentale…

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.