Updates Salone: design league di calcetto alla Rinascente Design Market, vince lo studio di Fabio Novembre…

Siamo già alla seconda edizione della Design League, il torneo di calcio balilla che si svolge al piano del design Market della Rinascente di Milano, in occasione del Salone del Mobile. I nomi più illustri e conosciuti del design italiano scendono in campo con maglie rigorosamente griffate Fila e con il nome dello studio. Ecco […]

Siamo già alla seconda edizione della Design League, il torneo di calcio balilla che si svolge al piano del design Market della Rinascente di Milano, in occasione del Salone del Mobile. I nomi più illustri e conosciuti del design italiano scendono in campo con maglie rigorosamente griffate Fila e con il nome dello studio.

Ecco allora Lissoni, Citterio, De Lucchi, Rota, Novembre ,Thun, Novembre, Giovannoni, Iacchetti, Ragni, 5+1 e tanti altri sfidarsi senza esclusione di colpi. A corredo dell’iniziativa, come per ogni torneo che si rispetti, ecco anche le figurine da collezione con archistar e designer star. Ieri alle 18.00 la finalissima tra gli studi Novembre-Citterio, finita 3-2 per il designer star per eccellenza Fabio Novembre. Artribune era tra gli spalti a tifare design!

– Valia Barriello

 

CONDIVIDI
Valia Barriello
Valia Barriello, architetto e ricercatrice in design, si laurea nel 2005 presso il Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura, con la tesi "Una rete monumentale invisibile. Milano città d'arte? Sogno Possibile". Inizia l’attività professionale collaborando con diversi studi milanesi di architettura fino a che la passione per gli oggetti quotidiani e il saper fare con mano la spingono verso il design e verso il mare. Inizia così un dottorato in Design presso la facoltà di Architettura di Genova che consegue nel 2011 con la tesi di ricerca "Design Democratico". La stessa passione la porta anche alla scrittura che svolge per diverse testate del settore e all’allestimento e curatela di mostre di design. Porta avanti contestualmente all'attività professionale la ricerca sui temi che ruotano intorno al design democratico all'autoproduzione e all'utilizzo di materiali di scarto. Attualmente lavora presso uno studio milanese, collabora con la NABA come assistente del designer Paolo Ulian e cura la rubrica di design per Artribune.