Updates Salone: arte e tecnologia. Sotto otto monadi in Piazza Duomo…

Nano tecnologie, principi delle alte frequenze, neon, algoritmi contro la gravità e suoni spazializzati, per artisti come Marina Abramovic, Ludovico Einaudi, Marta de Menezes, Luca Pozzi, Karin Sander, Carlo Bernardini, Pablo Valbuena. Affiancati da musicisti, designer e scienziati. Dove? All’estremità di Piazza Duomo, sotto i padiglioni bianchissimi a forma di igloo di Principia – Stanze e […]

Nano tecnologie, principi delle alte frequenze, neon, algoritmi contro la gravità e suoni spazializzati, per artisti come Marina Abramovic, Ludovico Einaudi, Marta de Menezes, Luca Pozzi, Karin Sander, Carlo Bernardini, Pablo Valbuena. Affiancati da musicisti, designer e scienziati. Dove? All’estremità di Piazza Duomo, sotto i padiglioni bianchissimi a forma di igloo di Principia – Stanze e sostanze delle arti prossime. Non un semplice percorso di visita delle opere esposte, ma anche un sentiero parallelo attraverso l’analisi di processo dei lavori all’insegna della tecnologia esplorata senza eccessi coreografici, ma per piccole, ben calibrate, dosi.
Le otto (strettissime) stanze di Principia fanno emergere la matrice produttiva delle arti plastiche, attraverso lo svelamento non solo di nuovi materiali, ma anche di principi matematici, geometrici, ottici, magnetici, elettrici ed elettronici.

Ginevra Bria

Dal 12 aprile al 1 maggio 2011
Piazza Duomo – Milano
www.solaresdellearti.it


CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.
  • Perfettamente in sintonia con la piazza, via un ottimo modo di far vedere come il design tiene conto del luogo in cui va ad inserirsi…