Updates Milano: spigolature fieristiche, se la Cina, da replicante, diventa replicata…

È inutile, è il momento della Cina. Se ne parla per il primo posto guadagnato nel mercato internazionale dell’arte, se ne parla per l’arresto di Ai Weiwei. E ora se ne parla anche dentro MiArt: capita infatti di incrociare allo stand di Federico Luger i lavori di Gabriele di Matteo, una serie di tele dal […]

Gabriele di Matteo all'opera

È inutile, è il momento della Cina. Se ne parla per il primo posto guadagnato nel mercato internazionale dell’arte, se ne parla per l’arresto di Ai Weiwei. E ora se ne parla anche dentro MiArt: capita infatti di incrociare allo stand di Federico Luger i lavori di Gabriele di Matteo, una serie di tele dal titolo China made in Italy, ovvero l’artista italiano che copia il collega cinese. Una bella e sana provocazione, un ribaltamento dei luoghi comuni…
Lo stesso di Matteo si mette in mostra con Quadro di famiglia, un’opera in 16 pezzi venduti singolarmente (a mille euro l’uno). Chi vuole può acquistare il frammento che più gli piace, dal più figurativo al più astratto. Anche qui: provocazione, o semplice adattamento al periodo di crisi?

 

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.