Ucca che asta! A Hong Kong la Ullens Collection quadruplica le stime iniziali

54.7 milioni di dollari, contro una stima pre-vendita di 12-16 milioni. Ha fatto letteralmente scintille, la vendita da Sotheby’s Hong Kong della Ullens Collection, che ha segnato il record delle sales per le collezioni di arte contemporanea appartenute a un unico collezionista. Record per il trittico di Zhang Xiaogang, Forever Lasting Love, venduto nell’asta di […]

54.7 milioni di dollari, contro una stima pre-vendita di 12-16 milioni. Ha fatto letteralmente scintille, la vendita da Sotheby’s Hong Kong della Ullens Collection, che ha segnato il record delle sales per le collezioni di arte contemporanea appartenute a un unico collezionista. Record per il trittico di Zhang Xiaogang, Forever Lasting Love, venduto nell’asta di domenica 3 aprile per 10 milioni di dollari, schiacciando la stima di 3.2 milioni.

Il secondo top price? Dello stesso Xiaogang, con l’offerta di 2.9 milioni di dollari di un collezionista americano per un’opera della famosa Bloodline Series. I risultati sono cartina di tornasole per la straordinaria salute di cui gode il mercato cinese, oltre che della rarità e qualità della visionaria Ullens Collection, che fino a domenica rappresentava uno dei più importanti corpus di opere della storia dell’arte contemporanea cinese.

Martina Gambillara

 

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.