Seul in progress, sulla skyline ora c’è una nuova torre danzante…

Un’onda nel cielo di Seul. Un nuovo grattacielo per uffici che si va ad aggiungere alla già ricca skyline della capitale sud-coreana. Dopo due anni di costruzione nel febbraio scorso è stata inaugurata la “torre danzante”, linee sinuose e morbide, progetto del gruppo olandese ArchitectenConsort, Rotterdam-based. GT Tower East è il nome scelto per l’edificio […]

Un’onda nel cielo di Seul. Un nuovo grattacielo per uffici che si va ad aggiungere alla già ricca skyline della capitale sud-coreana. Dopo due anni di costruzione nel febbraio scorso è stata inaugurata la “torre danzante”, linee sinuose e morbide, progetto del gruppo olandese ArchitectenConsort, Rotterdam-based. GT Tower East è il nome scelto per l’edificio che, insieme alla GT Tower West – ancora in fase di realizzazione – andrà a costituire un unico complesso architettonico.
Alto circa 130 metri, superficie complessiva di 54mila metri quadri, l’edificio si distingue nella selva architettonica per la sua facciata ondulata ottenuta grazie allo slittamento dei piani interni secondo due diagonali. In facciata, inoltre, il rivestimento – in lastre di vetro opaco – è calibrato in modo da nascondere i solai interni, ottenendo così, un effetto di estrema coerenza formale accentuato anche dalla scansione delle linee verticali. L’edificio è poi arretrato rispetto al filo stradale, ricavando così uno spazio urbano, chiamato “sunken plaza”, un piccolo angolo di pace lontano dal caos cittadino…

Zaira Magliozzi

 

CONDIVIDI
Zaira Magliozzi
Architetto, architecture editor e critico. Dalla sua nascita, fino a Marzo 2015, è stata responsabile della sezione Architettura di Artribune. Managing editor del magazine di design e architettura Livingroome. Corrispondente italiana per la rivista europea di architettura A10. Dal 2006 cura la rubrica “Corrispondenze” nella rivista presS/Tletter. Pr e project manager di progetti dedicati alla comunicazione del design e dell’architettura per l’agenzia di comunicazione SignDesign. Ha scritto per The Architectural Review, L’Arca, Il Giornale dell’Architettura, Il Gambero Rosso, Compasses, Ulisse e Quaderno di Comunicazione. Membro del Consiglio direttivo di IN/ARCH Lazio. Dal 2009 fa parte del laboratorio presS/Tfactory, legato all’AIAC - Associazione Italiana di Architettura e Critica - per l’organizzazione di eventi, workshop, concorsi, corsi, mostre e altre iniziative culturali legate al mondo dell’architettura.