Roma la colta, settimana di presentazioni di libri imperdibili per art lovers

Se Milano, fra MiArt e Salone, per due settimane calamita l’attenzione del mondo della creatività e dei media, Roma non vuole certo stare alla finestra. E risponde con una settimana dedicata piuttosto alla riflessione e all’approfondimento, stimolate da diverse presentazioni di libri. Martedì 12 sarà la volta di Italia in opera, del critico/curatore Bartolomeo Pietromarchi: […]

Se Milano, fra MiArt e Salone, per due settimane calamita l’attenzione del mondo della creatività e dei media, Roma non vuole certo stare alla finestra. E risponde con una settimana dedicata piuttosto alla riflessione e all’approfondimento, stimolate da diverse presentazioni di libri.
Martedì 12 sarà la volta di Italia in opera, del critico/curatore Bartolomeo Pietromarchi: uscito per Bollati Boringhieri e freschissimo di stampa, il libro è un tentativo di definizione dell’identità nazionale alla luce delle opere – artistico-visive, letterarie, cinematografiche, musicali, teatrali – prodotte in Italia negli ultimi cinquant’anni, quasi a formare un’esposizione ideale del bagaglio visivo del Belpaese. L’incontro si terrà presso lo Studio Fabio Mauri – a Via del Cardello -, alla presenza dell’autore e di Achille Mauri, Stefano Chiodi, Francesca Alfano Miglietti.
Mercoledì 13 alle 18, invece, Villa Medici ospiterà la presentazione di Meyer Schapiro e i metodi della storia dell’arte, volume curato da Luca Bortolotti, Claudia Cieri Via, Maria Giuseppina Di Monte e Michele Di Monte per Mimesis Edizioni. Previsti interventi del padrone di casa, il direttore dell’Accademia di Francia Éric de Chassey, del semiologo Paolo Fabbri e di Giuseppe Di Giacomo, docente di estetica alla Sapienza di Roma.

Saverio Verini

 

CONDIVIDI
Saverio Verini
Saverio Verini (1985) è laureato in storia dell’arte contemporanea presso l’Università “La Sapienza”. Nel 2010-2011 frequenta il Master of Art alla LUISS di Roma. Tra 2011 e 2012 è nello staff del MACRO - Museo d’Arte Contemporanea Roma. Dal 2013 è assistente curatore presso la Fondazione Ermanno Casoli. Dal 2011 cura la sezione di arti visive di Kilowatt Festival. È fondatore delle associazioni culturali Il Fondino e Sguardo Contemporaneo, con le quali, a partire dal 2005, ha ideato e organizzato numerose iniziative artistiche e culturali.