Per chi ancora non fosse persuaso che la Cina è una dittatura: nuovi guai per Ai Wei Wei

Fermato in aeroporto, a Pechino. Sequestrati hard disk, tecnologia e computer nel suo studio alla periferia della capitale. La notizia, visto il democraticissssimo panorama dell’informazione cinese, ha circolato soprattutto via Twitter e poi naturalmente è stata ripresa dalle agenzie occidentali. Secondo alcuni l’ennesima bega con il governo in cui è incappato Ai Wei Wei, forse […]

Fermato in aeroporto, a Pechino. Sequestrati hard disk, tecnologia e computer nel suo studio alla periferia della capitale. La notizia, visto il democraticissssimo panorama dell’informazione cinese, ha circolato soprattutto via Twitter e poi naturalmente è stata ripresa dalle agenzie occidentali.
Secondo alcuni l’ennesima bega con il governo in cui è incappato Ai Wei Wei, forse oggi il più grande artista cinese, fa parte secondo alcune organizzazioni umanitarie della più feroce recrudescenza repressiva da oltre vent’anni a questa parte, ovvero a far data da quel fatale 1989 ricordato per i carri armati in Piazza Tienanmen. Arresti domiciliari e altre restrizioni avrebbero riguardato a partire dal febbraio 2011 alcune centinaia di persone, Ai Wei Wei sarebbe solo uno di loro. L’artista – secondo alcuni fonti – sarebbe stato fermato da alcuni agenti in borghese mentre si apprestava, nella mattinata del 3 aprile, a salire su un volo diretto ad Hong Kong, “il signore ha altri affari di cui occuparsi” avrebbero sussurrato gli emissari del governo al suo assistente, lasciato libero. Non è dato sapersi se Ai sia stato formalmente arrestato e dove sia attualmente (risulta irraggiungibile al cellulare).

Questo episodio bissa gli arresti domiciliari dello scorso novembre quando Ai venne preso di mira dal governo per avere organizzato una festa di demolizione del suo studio a Shanghai, in polemica con l’amministrazione che gli aveva intimato di radere al suolo il manufatto appena inaugurato e con tutti i permessi in regola. Ai Wei Wei aveva giustappunto dichiarato qualche settimana fa in una intervista apparsa sulla stampa tedesca, la sua intenzione di trasferirsi a Berlino vista l’impossibilità di continuare a lavorare serenamente in patria.

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • hm

    il problema secondo me è che ha troppa barba e non è abbastanza cinese . troppo sospettabile .

  • La Cina è certamente una dittatura, non credo ci sia spazio a dubbio alcuno al riguardo. Ma, visitandola, si scopre un ” panorama socio-politico-culturale” in piena evoluzione. E’ un movimento inarrestabile ed il governo Cinese lo sa molto bene, si accanisce verso i personaggi a lui piú scomodi ed in particolare verso quelli con piú visibiltá all’estero ma chiude un occhio (spesso entrambi) sul “movimento” nel suo complesso. Boicotta (ma a periodi alterni) i social networks “occidentali” e controlla, per quel che gli riesce, la rete in generale ma, fortunatamente, l’89 è lontano (come lo sono le follie della “rivoluzione culturale”). La Cina (intendo la società Cinese, la sua intellighenzia, non il suo governo) ha il suo passo, molto, molto lento, ma il cambiamento è certamente in atto.

  • prima di far “battute” sciocchine e gratuite magari sarebbe il caso che ti dessi un’occhiata a questo … e’ un po’ piu’ lungo di una “seduta in bagno con Gioia” (e fa’ parte di un serie di tre o quattro), ma magari ti sarebbe salutare
    http://www.youtube.com/watch?v=JQgeqDj7oWo&feature=related

  • hm

    e allora? lo avevo già visto .
    paura che la cina surclassi gli usa nella produzione? l’ha già surclassata da tempo non preoccuparti . forse sarebbe salutare a te capire che non siamo tutti uguali . e non hai diritto di affermare cosa è giusto e sbagliato in casa loro .

  • hm

    i lavori esposti in quel video poi sono veramente patetici, sono il jake&dinos chapman all’acqua di rose del modernariato . ma a te piaceranno sicuramente un casino, forse ti hanno suscitato anche un leggero brividino brrrr

  • mai detto “che cosa e’ giusto e che cosa e’ sbagliato” in casa altrui: ho fatto delle considerazioni su un paese ed una situazione che conosco, per esserci stato piu’ d’una volta ed averci anche lavorato. Non ti preoccupare, nessun “brividino brrrr”, solo rispetto per un artista, per il suo lavoro, per le sue idee e per il suo impegno, per il quale e’ pronto a pagare di persona…mentre qualcheduno va’ in bagno a leggere Gioia e sogna di passare alla storia come “lo spammatore dei forum dell’arte contemporanea”

    • hm

      sisi certo l’importante è non esporsi troppo, mai detto cosa è giusto e cosa è sbagliato, solo allusioni velate . quale impegno? ma smettila . tu sei già passato alla storia come nullità, brinda sul cesso con gioia, ciao .

  • Davide W. Pairone

    in effetti sì, Dropping a Han dinasty urn è un capolavoro da brividi, e non mi pare ci sia nulla di paragonabile fra i lavori dei Chapman

    non tutte le sue cose sono altrettanto memorabili ma il livello medio è altissimo, razionalismo e lavoro sul linguaggio + manualità e impersonalità orientali. Sarei più contento se più artisti cinesi riuscissero a coniugare così bene caratteristiche endogene e necessità della ratifica occidentale

    • hm

      caratteristiche endogene? pairone conta fino a 10 prima di attaccarmi come tuo solito, mi riferivo ai primi lavori nel video che ha postato il grande artista sopra (se non arrivi che sono paragonabili a quelli dei chapman allora hai dei buchi vistosi nella tua maestrina preparation), dovevi fare clic e guardare il video di youtube, i tavolini monchi con 2 gambe etc ce la fai? non stavo parlando di dropping (che in ogni caso è un’opera banale quasi quanto te) . complimenti continua così e vincerai il nobel per la maestrina dell’anno mi raccomando eh ciao pairone, alessandro roma è talentuosissimo sisi ok ciao

      • Davide W. Pairone

        guarda ho solo approfittato della tua ennesima castroneria per fare un discorso più generale su Wei Wei e gli artisti cinesi. I tuoi gusti sono i tuoi gusti, chi te li tocca?

        Pur tuttavia bisogna dire che ricevere una stroncatura da hm è un buon viatico per la canonizzazione…fossi nei panni di Alessandro Roma sarei entusiasta perché nella tua black list è in compagnia di Cattelan, Abramovic, Wei Wei, l’intero movimento dell’espressionismo astratto (e per estensione immagino tutto l’informale europeo…) Schifano, Franco Battiato (sic) e udite udite TUTTI GLI EBREI DELLA STORIA! Te ne consiglio altri a casaccio, così puoi essere davvero il più anticonformista degli anticonformisti: Saviano (fa un sacco figo essere contro Saviano, dai), Ferrara (così sei bipartisan), Umberto Eco, Demetrio Stratos, , Sol LeWitt e tutto il minimalismo americano, John Cage e Fluxus, Luther Blissett, Ibrahimovic, Gianfranco Fini, Aldo Busi, Gesualdo Bufalino, i Nomadi (che hanno una fanbase mica da ridere), Giotto e quel sopravvalutato imbrattatele di Van Gogh. Massì, pure tutti gli impressionisti e la scuola di Barbizon.

        ecco, se cominci ad attaccare sistematicamente questi obiettivi con la tua tipica argomentazione “x è un demente” vedrai che troverai un sacco di gente con cui litigare allo sfinimento. Fino a quando non capirai che ti stai sulle balle da solo

        • hm

          pairone sei ridicolo, sei tu che mi stai tu sulle balle e nemmeno poco per quanto sei falso, ti spiego tu hai iniziato a darmi dell’ignorante su internet attaccandomi per primo senza nemmeno conoscermi (in perfetto stile sgarbi anzi ancora peggio), hai proseguito straparlando di un genere musicale che hai conosciuto tramite wikipedia (e già da qui si vede quanto sei coglione) poi adesso la ciliegina definitiva, i 2/3 di gente che hai scritto nel tuo elenco non li ho mai nominati da nessuna parte ! ! ! (anzi alcuni li stimo veramente tanto) oltre che ridicolo sei pure falso come pochi, né ho mai scritto qualcosa a proposito di tutti gli ebrei della storia . battiato in compenso ha lo stesso valore di un vento intestinale su quello non ci piove . sinceramente non voglio avere niente a che fare con persone false e viscide come te, quindi evita di controbattere ogni cosa che scrivo e starmi dietro continuamente . grazie .

          • Davide W. Pairone

            carissimo, guarda che a me non frega nulla di darti dell’ignorante ma solo di smontare le tue tesi infantili ed evitare che le castronerie girino fra i commenti senza contraddittorio. Se sono stato aggressivo è stato solo in risposta al tuo tono sentenzioso (non ho mai letto un tuo “secondo me” ma solo “è così!”) e comunque ti rispondo così come ti rispondono tutti gli sventurati che leggono le tue sparate. Prima con accondiscendenza, poi con nervosismo infine con ironia e compatimento. Facci caso…Personalmente avevo smesso di considerarti un interlocutore ma visto che ti piace tanto pronunciare il mio nome dovevo per l’ennesima, ultima volta farti fare brutta figura

            sul punk non credo proprio che tu abbia frequentato il cbgb’s alla fine dei ’70 e comunque, per l’ultima volta, le frequentazioni “rosse” di McLaren sono attestate da TUTTI gli storici del punk (da chi c’era) quindi finiscila.

            l’ossessione in ogni caso è tua che sei andato fin sul blog di lucarossi per attaccarmi. Talvolta rispondi a miei post, come in questo caso o per Roma, che proprio non ti riguardano né ti chiamano in ballo. E sarei io a starti dietro? Ma chi ti caga?!?

            sugli ebrei ne hai dette di tutti i colori, prendendotela tanto con i mercanti d’arte della New York anni ’40 quanto con l’uso della parola greca “apocalisse”. Insomma, dal vecchio testamento al ‘900, se non sono tutti gli ebrei poco ci manca. Senza contare che spari gratuitamente contro i romani (antichi e moderni) e la “terronia” come la chiami tu: ecco, diciamo che il campo degli oggetti della tua ostilità è decisamente ampio… E se stessi a controbattere ogni tua dichiarazione delirante dovrei come minimo prendere uno stipendio dalla asl come parte del trattamento sanitario obbligatorio

            Insomma, la tua paranoia è patologica tanto quanto il tuo delirio di onniscienza, purtroppo il mondo non ruota intorno alla tastiera del tuo pc e puoi insultare quanto vuoi ma le tue fissazioni sempre minchiate restano

  • per mia fortuna non sono ancora passato alla storia, ma vivo ancora, felicemente e senza i tuoi livori, nel presente; chi ha affermato di utilizzare gli interventi ai forum al posto (o forse, dati i toni ed il linguaggio, durante) le sue sedute in bagno leggendo Gioia, sei tu e non io.

    • hm

      ma chissenefrega, non capisco perchè continui a scrivermi se mi consideri uno spammatore, hai rotto .

  • Milos Krasic

    ma come si può affermare che la Cina ha un passo lento. molto lento!
    ma scrivete di barocco e roccocò, se proprio dovete far valere la vostra cultura.
    ma cosa ha visto della Cina!
    ma che diamine!

  • @Milos Krasic la mia frase era “La Cina (intendo la società Cinese, la sua intellighenzia, non il suo governo) ha il suo passo, molto, molto lento, ma il cambiamento è certamente in atto”… ed mi pareva chiaro che mi stavo riferendo al cambiamento da un regime assolutamente dittatoriale verso un regime se non “”liberale” certamente molto meno oppressivo. Economicamente ed anche artisticamente il passo della CIna e’ un passo di corsa! By the way… della Cina ho visto abbastanza in questi ultimi cinque anni andandoci, tornandoci, lavorandoci e collaborando con colleghi cinesi …e lei?

    • Ulrich Anders

      Ha proprio ragione cara signora.
      Bisogna oltretutto considerare che i francesi sono ghiotti di rane.

  • cristiana
  • hm

    @wPAIR1
    parla per te wpairone, qui l’unico che mi ha dato dell’ignorante sei stato tu non mettere in mezzo altri, peraltro non si capisce che tesi tu mi abbia smontato visto che sia su exibart che sul blog di lucarossi ho smontato chirurgicamente le tue ridicole ipotesi sull’origine del punk (dovute a un patetico acculturamento da wikipedia lol), forse è il caso che la smetti di parlare di quello che non sai che non ci fai delle gran belle figure eh? cioè sei stato smerdato a ripetizione per usare un eufemismo e ancora sentenzi? ma nasconditi pairone fai ridere ahahahaahahahhahahaha sisi sei tu che mi stai dietro, cambia interlocutore va invece di stare lì a contraddirmi che tanto con me becchi malissimo, devi smetterla di scrivere cose che non ho detto verme non me la sono presa con nessun mercante, ho scritto solo delle verità incontrovertibili, sì terronia embè? padania e terronia sono perfetti come nomi . sono andato sul blog di lucarossi a risponderti perchè exibart mi censurava, e come sospettavo tu stavi spiando attentamente e hai risposto dopo pochi minuti lol piantala di stalkerarmi . sei lì che ti leggi anche tutte le mie conversazioni con altri ma ti ripigli o no? se il mondo non ruota intorno alla tastiera del mio pc evita di leggere tutto quello che scrivo su internet . anzi non mi stupirei che qualcuno già ti pagasse per farlo vista la minuzia delle tue indagini e il fatto che sei stato tu il primo ad attaccarmi e rivolgermi la parola .

  • martina gambillara

    su twitter la petizione per liberare Ai Weiwei
    http://twitition.com/ao9m7