Parlate ora o tacete per sempre: ma Bice Curiger vi convince o no? Intanto ecco la giuria internazionale della Biennale…

Insomma, che ne pensate? Nopperché secondo i soliti maligni, la migliore risorsa di Bice Curiger alla Biennale sarebbe… Vittorio Sgarbi. Nel senso che le mosse e i progetti della svizzera, pur professionalmente impeccabili, ad alcuni incontentabili non parrebbero così strabilianti: solo che, a confronto dell’anarchia dadaista del ferrarese pasticcione, la farebbero brillare come una stella. […]

Il presidente della Giuria Hassan Khan all’opera…

Insomma, che ne pensate? Nopperché secondo i soliti maligni, la migliore risorsa di Bice Curiger alla Biennale sarebbe… Vittorio Sgarbi. Nel senso che le mosse e i progetti della svizzera, pur professionalmente impeccabili, ad alcuni incontentabili non parrebbero così strabilianti: solo che, a confronto dell’anarchia dadaista del ferrarese pasticcione, la farebbero brillare come una stella.
Ma cosa viene eccepito alla Curiger? In primis il titolo ILLUMInazioni, che certo un pelino banale e di maniera ci è sembrato a tutti. E poi l’espediente – molto sgarbiano, tra l’altro – di giocarsi la carta Tintoretto al centro del Palazzo delle Esposizioni. Ora arrivano le comunicazioni relative alla giuria internazionale, e magari quelle voci di dissenso torneranno a farsi sentire. Sì, perché l’egiziano Hassan Khan sarà anche un fior di “artista visivo e musicista sperimentale”, nessuno lo mette in dubbio, ma la sensazione che il profilo non sia proprio all’altezza del compito di presidente potrebbe contagiare qualcuno. Senz’altro saprete darci il vostro parere, magari smentendo i soliti polemici a tutti i costi.
Gli altri membri della giuria? Saranno la curatrice indipendente e critica d’arte cinese Carol Yinghua Lu, la direttrice di Museion Letizia Ragaglia, la scrittrice e critica d’arte francese Christine Macel e il cineasta, attore, scrittore, artista americano John Waters.

www.labiennale.org

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • me.giacomelli

    mi pare puro stile curiger. che sia una boccata d’aria fresca? vedremo…

  • Marta

    Vittorio sgarbi non è un personaggio affidabile, della biennale se n’è disinteressato coinvolgendo mezzo mondo della cultura, facendo una brodaglia senza senso, l’unico che lo può difendere resta Beatrice, che dice che se se ne va lui torna l’arte del passato.

    E cioè?
    Da quando sgarbi capisce qualcosa di contemporaneo?
    Ma siate seri orsù.
    Lei giacomelli cmq mi piace.

    • adgqqqqqqqqqqq

      Hassan Kaan , eccerto sarà pieno d’intrallazzi vischiosi. no dai che sfiga!!! speravamo tutti in un comitato onesto e lindo fatto dalla giannelli, vettese, gemma testa e francesca pasini!!!!
      ciao nèèèè!

  • martina cavallarin

    Bice Curiger ha fatto delle cose importanti e fondanti nelle sua carriera iniziata fondando Parquet, che prima di diventare una sorta di Bibbia del contemporaneo, era impaginata dalla nonna per mancanza di fondi…. fino a Tate etc. Attendo quindi con impazienza la 54° esposizione d’arte internazionale omettendo con gesto atletico le piccole vicende dell’italietta.
    martina cavallarin

  • Gionni

    Parquet? Seee, in mogano…

    • Ayman al-Zawahiri, an eye surgeon who helped found the Egyptian Islamic Jihad militant group, is expected to replace Osama Bin Laden as the leader of al-Qaeda.

      He was already the group’s chief ideologue and was believed by some experts to have been the “operational brains” behind the 11 September 2001 attacks in the US.

      http://www.mynameiskhanthefilm.com

  • a. p.

    e come si fa a dire se ci convince o no? prima vedere, poi parlare… certo che se ci piazza tre Tintoretto mi viene da dirle: “ti piace vincere facile?”

  • beh

    In “italietta” qualcuno non scriverebbe Parquet per Parkett

  • Epeo

    L’eccesso di politica va a scapito della qualità.

  • L. Nobili

    Non vi rendete conto che l’arte sta dietro le quinte. Siete morti dentro e fuori.
    Comunque complimenti per la Biennale (la Sanremo dell’arte)

  • Casimiro Mondino

    Tutta l’attività che viene definita “contemporaneo” è orientata al mercato e non alla ricerca artistica propriamente detta, valgono regole e norme del “branding” e non della ricerca stratificata tecnico-linguistica tipica dell’arte; per tanto è naturale ed ovvio che la Biennale sia la San Remo dell’arte.

  • Alfredo Aceto

    Solo stima per Christine Macel!!!

  • Simonetta Guidotti

    Non sono addentro al nocciolo delle questioni , ma da semplice pubblico affermo che il Presidente della Biennale dovrebbe SEMPRE essere Italiano, i membri della giuria possono e devono essere internazionali; Sgarbi è competente in arte ma poco credibile come organizzatore, e soprattutto poco esperto sul contemporaneo .
    Ma questo è solo il mio parere…..

  • Aspettiamo a vedere il risultato!

  • A cosa serve la Biennale di Venezia? Risposta: a gustarsi un buon caffè sulla laguna, ma senza bere, semplicemente inalando vapore e essenza di arte.

  • alfonso siracusa