Ma cos’è Città del Messico o Basilea? Tanti big (anche italiani) per l’ottava fiera Maco Mexico

Ancora non siete convinti? Non credete che, dopo il boom attualmente in corso, ma con qualche lieve avvisaglia di fase regressiva, anche in arte presto i riflettori punteranno sull’America Latina? Beh, provate a chiedere non a uno qualsiasi, ma al signor Iwan Wirth. Sì, perché sarà anche un caso, ma la superbig Hauser & Wirth […]

Ancora non siete convinti? Non credete che, dopo il boom attualmente in corso, ma con qualche lieve avvisaglia di fase regressiva, anche in arte presto i riflettori punteranno sull’America Latina? Beh, provate a chiedere non a uno qualsiasi, ma al signor Iwan Wirth.
Sì, perché sarà anche un caso, ma la superbig Hauser & Wirth – che lui presiede -, nell’affollarsi sempre più fitto di fiere d’arte in tutto il globo, ha deciso quest’anno di essere presente a Maco Mexico, all’ottava edizione. In ottima compagnia, peraltro, assieme – fra gli altri – a gentarella come David Zwirner, Eigen + Art, Lisson, Max Wigram, Massimo de Carlo, Espacio Mínimo, Distrito 4. Come vedere la cosa, se non come un’”investitura” non solo della rassegna in sé, ma di tutta l’area, peraltro già “attenzionata” da fiere come Art Basel Miami Beach ed Arco?
Novanta in totale le gallerie di tutto il mondo, con spazi espositivi di oltre 10mila metri quadrati. E l’Italia? Si affida solo al big milanese? Nemmeno per idea, sempre da Milano infatti arrivano a Città del Messico anche Cardi Black Box e Project B Contemporary Art. E anche Perugi va a prendersi un bagno di sole caraibico, nel passaggio dalle brume padovane alle colline toscane…

Dal 6 al 10 aprile 2011
Centro Banamex – Città del Messico
zonamaco.com

 

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.