Lo Strillone: cultura carioca sul Sole 24 Ore. E poi Gamec, Ravasi, Gagosian…

Guercino sarà lei! Su Saturno, inserto nazional-culturale de Il Fatto Quotidiano, accorata arringa contro il Marte trattenuto da un amorino, accreditato come autografo e piazzato in mostra a Castel Sant’Angelo. In barba alla stima di Christie’s che lo assegna ad un misero follower. La classe non è acqua a Bergamo: la Gamec chiama 100 ragazzi […]

Quotidiani
Quotidiani

Guercino sarà lei! Su Saturno, inserto nazional-culturale de Il Fatto Quotidiano, accorata arringa contro il Marte trattenuto da un amorino, accreditato come autografo e piazzato in mostra a Castel Sant’Angelo. In barba alla stima di Christie’s che lo assegna ad un misero follower.

La classe non è acqua a Bergamo: la Gamec chiama 100 ragazzi delle scuole e li fa lavorare a confronto con opere di Pistoletto, Accardi, Beuys ed altri big del contemporaneo. Segnalazione su La Padania: che ricorda anche i Percorsi tra le Biennali del Parco di Pordenone, retrospettiva sulla Venezia del ventennio ‘48 – ‘68.

E a proposito di Biennale, che dire di quella di San Paolo? Per Il Sole 24 Ore è il simbolo di un paese che sta esplodendo a tutti i livelli. Viaggio nella cultura e nel “sistema paese” del Brasile, nel giorno dell’uscita – per Laterza – di Bandeirantes, reportage carioca firmato da Carlo e Antonio Calabrò.

Prove tecniche di padiglione veneziano per Santa Romana Chiesa. È Gianfranco Ravasi a benedire Alla luce della Croce, collettiva di arte sacra contemporanea alla Galleria Raccolta Lercaro di Bologna. Carrellata di crocefissi d’autore a firma Kounellis, Paladino, De Maria et alia. Chi lo dice? Avvenire, of course.

Fruttiera o monumento? Europa riprende le critiche della Bild al monumento che a Berlino ricorderà l’unificazione della Germania. Il Consiglio Nazionale degli Architetti scrive a Galan – e a La Repubblica – per chiedere di salvare dal degrado il Memoriale dei Deportati italiani ad Auschwitz, firmato nel ‘79 da Belgioioso.

Larry, Pablo e Thérèse. Inedito mènage a trois negli spazi newyorchesi di Gagosian: La Stampa invita alla mostra che indaga il rapporto tra Picasso e Marie Thérèse, amore degli anni ‘20. Mostra mercato di icone russe a Gorizia per Libero; primo piano sul Museo del 900 per il Corriere della Sera: in arrivo un focus sull’arte italiana dal ‘68 al ‘76. Arte di piombo?

Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.