Gallery Weekend Updates: quando Berlino è ancora squat. 15 artisti negli spazi di MMX, su Linien. Con risata garantita

Accesso dal cancello del giardino, baracchino che vende burritos a sinistra, tavolini in legno a destra, entrata direttamente dal bar autogestito del palazzo. Dalle casse esce un mix minimal e lounge. Così si presenta Cash&Carry, mostra collettiva di 15 artisti che hanno passato del tempo della loro vita creativa negli spazi di MMX (che a […]

Ivonne Dippmann

Accesso dal cancello del giardino, baracchino che vende burritos a sinistra, tavolini in legno a destra, entrata direttamente dal bar autogestito del palazzo. Dalle casse esce un mix minimal e lounge. Così si presenta Cash&Carry, mostra collettiva di 15 artisti che hanno passato del tempo della loro vita creativa negli spazi di MMX (che a dicembre chiuderà) nella Linienstrasse.

Passando da una sala all’altra, facendo attenzione di non inciampare sul suolo grezzo di un pavimento mai realizzato o di non portare via qualche mattoncino caduto da muri malconci, ci si addentra nella pancia di quella casa-squat-residenza che negli ultimi anni è stata punto di riferimento per i giovani artisti contemporanei di Mitte. Una delle stanza ospita le opere e l’installazione site-specific di Ingo Frohlich. Migliaia di linee nere su sfondo bianco trasformano l’ambiente in un gioco ottico a misura umana. I suoi disegni, che sembrano carte topografiche, rivelano una dimensionalità nascosta della superficie bidimensionale della carta per estendersi poi fino alle pareti e al pavimento. Uscendo si passa attraverso un atrio pieno di piante che ospita un grande wallpainting di Ivonne Dippmann, legato alla storia dell’edificio, per poi rientrare e culminare la mostra in una specie di dark room in cui il video di Clemens Wihelm mette a dura prova ogni tentativo di serietà.

– Sarah Corona

www.mmx-berlin.com

CONDIVIDI
Sarah Corona
Specializzata nell'art management e nella ricerca, si interessa di nuovi media e tecnologia nell'arte contemporanea e la giovane produzione artistica, rendendo i suoi studi pubblici attraverso testi, recensioni, interviste, mostre ed eventi in Italia, in Germania e a New York.