E il design finisce sull’iPad. Un nuovo magazine da sfogliare, per il popolo degli Apple lovers

Smart, friendly, leggero, stiloso e sexy. Come tutti i prodotti griffati Apple. L’iPad, ultimo nato in casa Jobs, è già l’oggetto di culto di questo inizio decennio. La sottilissima tavoletta pare essere diventata irrinunciabile, nel giro di niente: tutti la vogliono, in molti la usano, tanti la stanno sostituendo ai tradizionali faldoni illustrativi, ai vecchi […]

Smart, friendly, leggero, stiloso e sexy. Come tutti i prodotti griffati Apple. L’iPad, ultimo nato in casa Jobs, è già l’oggetto di culto di questo inizio decennio. La sottilissima tavoletta pare essere diventata irrinunciabile, nel giro di niente: tutti la vogliono, in molti la usano, tanti la stanno sostituendo ai tradizionali faldoni illustrativi, ai vecchi palmari, agli archivi digitali conservati dentro pc e dvd.
E intanto l’editoria si adegua, sviluppando apposite applicazioni – anche noi ci stiamo lavorando, un po’ di pazienza! – per il nuovo gioiellino amato dai tech addicted. Fruit of the forest è un free press dedicato al design, nato appositamente per iPad o per altre piattaforme digitali. In sostanza, in rete ve lo scaricate come pdf, per una lettura lineare, oppure potete trastullarvi con un’immersione multimediale ad hoc, sul vostro tablet.

Cosa ci trovate dentro? Articoli appetitosi e ben costruiti, con una grafica semplice ma efficace, per raccontare il design contemporaneo e il modo in cui ha contagiato la realtà materiale e immateriale che ci circonda. Una sezione è dedicata alle città, filtrate dallo sguardo di un gruppo di reporter sguinzagliati in lungo e in largo; poi ci sono due articoli principali con un taglio teorico; quindi una serie di rubriche, per spaziare dalla grafica ai materiali, dalla tecnologia ai dettami dell’estetica più attuale. Moltissime le immagini, alcune inviate da fotografi girovaghi, invitati a collaborare con i loro appunti di viaggio.
Il numero zero arriva puntuale per il Salone del Mobile, per l’occasione anche nella versione italiana Frutti di bosco.

Helga Marsala

www.fruitoftheforestmagazine.com

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.