Cosa ci rispondete se vi diciamo “eBook per l’arte”? Un’associazione ha fatto partire un progetto, ma noi vorremmo sapere la vostra sul discorso ‘ebook’

Se ben gestito e presidiato potrebbe essere una discreta sorpresa il progetto “eBook per l’arte” portato avanti da una associazione culturale (Finestre sull’Arte, di Carrara) e da una società di soluzioni per il web (Losna). In buona sostanza, un sito che si offre come hub per la distribuzione e il download di ebook a tema […]

La home del sito www.ebookperlarte.com

Se ben gestito e presidiato potrebbe essere una discreta sorpresa il progetto “eBook per l’arte” portato avanti da una associazione culturale (Finestre sull’Arte, di Carrara) e da una società di soluzioni per il web (Losna). In buona sostanza, un sito che si offre come hub per la distribuzione e il download di ebook a tema artistico (per ora solo materiale su arte classica e antica, ma chissà…). Ebook che consisterebbero in pubblicazioni inedite di autori ancora non famosi, impossibilitati dall’entrare nel ‘giro’ delle grandi case editrici, magari appena laureatisi con tesi brillanti che non avranno alcuna speranza di venire pubblicate.
Un progetto potenzialmente meritocratico, vista anche la classifica dei “più scaricati” subito sulla homepage del sito e vista la possiblità, per ciascuno, di inviare in valutazione il proprio lavoro. Con gli ebook, peraltro, non si bara e i lettori e gli acquirenti (anche se la distribuzione dei lavori è ancora gratuita) si conta unità per unità. Se “eBook per l’arte” avrà successo (ma prima si deve affermare nel nostro paese il concetto stesso di ebook), si prevedono tempi poco felici per le troppe case editrici che vivacchiano lucrando sulla voglia di pubblicare di autori alle prime armi, facendo pagare chi scrive, chiedendo contributi, obbligando l’acquisto di copie. Per ora, il libro elettronico più scaricato supera di poco i 100 download, c’è ancora un po’ da lavorare…

www.ebookperlarte.com

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Niccolò&Gigetto

    In effetti è vero, anche noi ci han sempre chiesto i soldi per pubblicare qualcosa. Ora c’è l’ebuc!!!!

  • Zarri Fabio

    Le prospettive mi sembrano buone, ma qualcuno ha scaricato per vedere un po’ come sono? Come fanno a fare tutto gratis?

  • Massimo Rosa

    Chiaro smartphone, ipad e ebookreader saranno sempre più utilizzati e diffusi e da qui a tot anni la carta sarà sempre meno utilizzata. E lo dico con gran pena essendo amante del cartaceo cosciente che questa è una tara di origine conservatrice insensata. L’ ebook, come tutte le cose del resto, può apportare veramente migliorie sapendo come utilizzarlo. Ad esempio permette di creare note ed evidenziare porzioni di testo che possono essere richiamati poi in maniera molto più veloce rispetto al un testo tradizionale. Può avere una gran diffusione abbassando di molto i costi di produzione. Ma appunto per questo va realizzato in modo professionale (cosa che non vedo in quel sito). Non basta creare un testo con link esterni ed impaginarlo i formato digitale alla buona (ne ho visti un paio sono poco leggibili e nemmeno rispettano gli standard di pubblicazione). Io mi sto già cimentando nella realizzazione di cataloghi digitali delle mostre prevedendo appunto che in un futuro non molto lontano la diffusione sarà enorme. Anzi, se qualcuno volesse testarne uno (è una prima bozza) e darmi un parere anche per migliorarli lo può scaricare da qui http://dl.dropbox.com/u/18531812/L%27identita%20Frammentata%20-%20Pablo%20Rubio.epub
    Aggiungo che questo post mi porta a riflettere anche su quello delle vostre recensioni: immagini, video, testo e perchè non dar la possibilità ai lettori di scaricarsi anche il catalogo?