Ci mancava pure Stefanel. In coppia con Ginevra Elkann, per far sapere con un libro chi sono i nuovi talenti italici

Sull’accoppiata arte/moda abbiam già parlato decine di volte, da ultimo con la grande mostra che il magnate del lusso Pinault ha allestito a Punta della Dogana. In questo caso, però, il brand è di livello assai più pop rispetto a Gucci & Co. di proprietà del francese. È infatti Stefanel che si imbarca nell’avventura, sponsorizzando […]

Ginevra Elkann

Sull’accoppiata arte/moda abbiam già parlato decine di volte, da ultimo con la grande mostra che il magnate del lusso Pinault ha allestito a Punta della Dogana. In questo caso, però, il brand è di livello assai più pop rispetto a Gucci & Co. di proprietà del francese. È infatti Stefanel che si imbarca nell’avventura, sponsorizzando un libro che sarà presentato domani a Milano.
L’editore è Electa, il titolo May I Introduce You? — A guide to creative talents (focus soltanto sull’Italia, ma visto che il libro è bilingue la distribuzione dovrebbe essere rivolta al di là dei patri confini), l’autrice… Ginevra Elkann. Ci si potrebbe chiedere da che pulpito parla, insomma qual è il suo osservatorio. Ecco, visto che già una curiosità e dunque uno stimolo all’acquisto s’è creato? Potere dei cognomi importanti…

Presentazione: mercoledì 13 aprile 2011 – ore 18.00
Palazzo della Ragione – Milano
[email protected]

 

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • angelo bellobono

    La letteratura si sta spesso interessando ironicamente dell’arte contemporanea. Consiglio agli art addicted( se già non lo hanno fatto) la lettura di “ai confini della notte” di Cunningham,leggero e scorrevole, ma incisivo.

    • me.giacomelli

      Mah, il rapporto qualità/prezzo è pessimo a mio avviso. Comunque son d’accordo con te Angelo, e per questo a brevissimo ripartirà la rubrica “Stralcio di prova”, che proprio ai rapporti fra narrativa e arte contemporanea è dedicata