Centro commerciale o hub comunicativo? In Corea la rivoluzionaria Galleria Centercity di UNstudio

Partire da una constatazione, banale quanto evidente: i centri commerciali svolgono ormai una funzione sociale, soprattutto in Asia. Ed è proprio su questa riflessione che si basa la Galleria Centercity di UNstudio, da poco inaugurata nella città di Cheonan, a 80 Km da Seul. Il gruppo olandese, capitanato da Ben Van Berkel, lancia la sfida: […]

Partire da una constatazione, banale quanto evidente: i centri commerciali svolgono ormai una funzione sociale, soprattutto in Asia. Ed è proprio su questa riflessione che si basa la Galleria Centercity di UNstudio, da poco inaugurata nella città di Cheonan, a 80 Km da Seul. Il gruppo olandese, capitanato da Ben Van Berkel, lancia la sfida: portare l’arte e la cultura contemporanea dentro l’edificio facendole diventare una parte costitutiva del progetto.
Si, ma come? L’approccio è duplice. All’esterno, la facciata è usata come superficie comunicativa: di giorno una veste monocromatica riflettente, di notte effetti luminosi e animazioni grafiche ne cambiano costantemente l’aspetto. All’interno poi, oltre ai punti vendita, trovano spazio un centro culturale e una vip room. Ma è la configurazione spaziale generale che colpisce: un grande vuoto centrale a cui si aggrappano quattro isole usate per la sosta e il relax.

La citazione qui è evidente, soprattutto nei marcapiani: copiare l’effetto centrifugo del Guggenheim di New York. Nel caso specifico, però, l’impianto è più complesso. Manca una geometria dominante e assente è la gerarchia tra gli spazi. Tutti gli elementi vivono simultaneamente e concorrono alla pari in quell’esplosione spaziale tutta da vivere ed esplorare…

Zaira Magliozzi

 

CONDIVIDI
Zaira Magliozzi
Architetto, architecture editor e critico. Dalla sua nascita, fino a Marzo 2015, è stata responsabile della sezione Architettura di Artribune. Managing editor del magazine di design e architettura Livingroome. Corrispondente italiana per la rivista europea di architettura A10. Dal 2006 cura la rubrica “Corrispondenze” nella rivista presS/Tletter. Pr e project manager di progetti dedicati alla comunicazione del design e dell’architettura per l’agenzia di comunicazione SignDesign. Ha scritto per The Architectural Review, L’Arca, Il Giornale dell’Architettura, Il Gambero Rosso, Compasses, Ulisse e Quaderno di Comunicazione. Membro del Consiglio direttivo di IN/ARCH Lazio. Dal 2009 fa parte del laboratorio presS/Tfactory, legato all’AIAC - Associazione Italiana di Architettura e Critica - per l’organizzazione di eventi, workshop, concorsi, corsi, mostre e altre iniziative culturali legate al mondo dell’architettura.