Brutto. È il perfetto Warhol Monument di Rob Pruitt a New York…

È brutta, oggettivamente brutta. Ma perché brutta vuole essere. Kitsch, sgargiante, effimera, dozzinale. E Popular. Perché questa statua vuole cogliere nel profondo l’anima del Dio stesso del Popular, Andy Warhol. E non a caso con i suoi tre metri di altezza svetterà – fino al prossimo 2 ottobre – su Union Square a New York, […]

È brutta, oggettivamente brutta. Ma perché brutta vuole essere. Kitsch, sgargiante, effimera, dozzinale. E Popular. Perché questa statua vuole cogliere nel profondo l’anima del Dio stesso del Popular, Andy Warhol. E non a caso con i suoi tre metri di altezza svetterà – fino al prossimo 2 ottobre – su Union Square a New York, proprio davanti all’edificio che ospitava la Factory di Warhol. “E vicina all’angolo dove si piazzava per distribuire copie autografate della rivista Interview, da lui fondata”, hanno specificato funzionari del Public Art Fund, sponsor del progetto.
L’autore? Un altro personaggio abbastanza “off”, Rob Pruitt, noto anche dalle nostre parti come artista della scuderia Franco Noero. Che a suo modo ha attualizzato l’approccio social di Warhol, facendo di un premio d’arte – il Rob Pruitt Art Award, chez Guggenheim New York – “il” suo progetto artistico…

 

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.