Artribune Real Estate. Milano, Zona Lia Rumma, 900 mq per chi crede nella nascita del nuovo distretto

Vicino al Monumentale, vicino alla Fabbrica del Vapore, accanto a Villa Simonetta, addosso allo Scalo Farini che magari un giorno, sì, diventerà qualcosa di bellissimo, ma che oggi è comunque uno squallido scalo ferroviario. Questa è una non-zona, se non fosse per Lia Rumma che qui lo scorso anno ha costruto il suo ziqqurat candido. […]

Vicino al Monumentale, vicino alla Fabbrica del Vapore, accanto a Villa Simonetta, addosso allo Scalo Farini che magari un giorno, sì, diventerà qualcosa di bellissimo, ma che oggi è comunque uno squallido scalo ferroviario. Questa è una non-zona, se non fosse per Lia Rumma che qui lo scorso anno ha costruto il suo ziqqurat candido.
Le talpe della nostra ipotetica agenzia immobliare dedicata al mondo dell’arte (la Artribune Real Estate!) hanno scovato quello che potrebbe essere un affare per eventuali galleristi che abbiano fiducia nella crescita di questa zona: ben 900 mq (ce ne vengono tre, di belle gallerie!) in un capannone proprio di fronte all’iconico spazio della signora napoletana. E allora, chi digita il 3939079681 chiede quando vogliono d’affitto e ci fa sapere?

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Zarri Fabio

    E’ vero quello è potenzialmente il distretto più interessante della città quando risistemano lo scalo Farini

  • adesso vi mettete a fare anche gli agenti immobiliari?
    e quello della signora napoletana, più che iconico è uno spazio laconico: non ci va nessuno

    • marco petroni

      non mi sembra che lo spazio di lia rumma sia laconico parla e dice tanto anche a un pubblico disattento. la mostra di william kentridge in corso ha un respiro da museo internazionale. valeria vaccari visitare per credere prima di parlare

      • Davide W. Pairone

        ma infatti, peggio per chi non ci va