Valeria, Armandino e il Madre. Nastro d’Argento alla “debuttante” Golino come miglior regista di Corti…

Se diononvoglia la situazione dovesse precipitare, il Madre potremo almeno ricordarcelo grazie a lei. Parliamo di Valeria Golino, che aveva scelto il museo napoletano come set del suo Armandino e il Madre, pellicola che le è valso il Nastro d’Argento per i Corti come miglior regista esordiente. L’annuncio oggi, durante la rassegna Cortinametraggio. Legittima la […]

Valeria Golino

Se diononvoglia la situazione dovesse precipitare, il Madre potremo almeno ricordarcelo grazie a lei. Parliamo di Valeria Golino, che aveva scelto il museo napoletano come set del suo Armandino e il Madre, pellicola che le è valso il Nastro d’Argento per i Corti come miglior regista esordiente. L’annuncio oggi, durante la rassegna Cortinametraggio. Legittima la soddisfazione dell’attrice partenopea, che al suo debutto dietro la macchina da presa ha avuto accanto a sé il compagno, Riccardo Scamarcio, nelle vesti di co-produttore e la sponsorizzazione di Pasta Garofalo (già “mecenate” di pellicole brevi dirette da Pappi Corsicato e Alessandro Preziosi; la prossima sarà firmata da Terry Gilliam).
Il film narra, con mano leggera e “sfiziosa”, una storia d’amore e d’integrazione che si snoda tra le stanze del museo di via Settembrini, istituzione sulla quale negli ultimi mesi si è addensata più d’una nube, tra tagli del budget, valzer nel cda e insurrezioni degli artisti prestatori. Che il Nastro d’Argento possa riportare gli animi di tutti a più miti consigli?

Anita Pepe

 

CONDIVIDI
Anita Pepe
Insegnante e giornalista pubblicista, Anita Pepe è nata a Torre del Greco (Na). Ha pubblicato il suo primo articolo nel 1990. La laurea in Lettere presso l’Università di Napoli “Federico II” l’ha indirizzata verso una formazione prevalentemente storica; si è avvicinata al contemporaneo per motivi professionali, collaborando per oltre dieci anni con quotidiani, periodici e websites. Ha scritto testi critici per mostre e interventi in spazi privati e istituzionali. Blogger a tempo indeterminato, non riesce a sottrarsi alle tentazioni del nazionalpopolare, politica inclusa. Avrebbe tanto voluto scrivere una minibiografia più cool, e si scusa per non esserci riuscita.